Xiaomi svela il nuovo smartphone Mi 5

Hugo Barra, Usa ed Europa sono mercati nei nostri radar

Xiaomi, leader di mercato degli smartphone in Cina, affila le armi per affrontare la concorrenza "in casa" sempre più incalzante da parte di colossi come Apple e Huawei. Dal Mobile World Congress di Barcellona il vice presidente Hugo Barra (ex manager di Google) ha svelato il nuovo smartphone top di gamma, Mi 5, con un'aggressiva strategia sul prezzo.

Il Mi 5 arriverà in Cina il primo marzo: il dispositivo ha caratteristiche tecniche avanzate - ultimo processore Snapdragon di Qualcomm, fino a 4 GB di Ram e 128 GB di memoria interna - ma mantiene un occhio al portafoglio. Costerà poco più di 350 dollari, circa la metà dei modelli concorrenti di simili prestazioni. Europa e Usa, ha detto Barra, sono "nei nostri radar".

Xiaomi punta a consolidare la sua quota in Cina, il maggior mercato al mondo per le vendite di smartphone, puntando su prezzi inferiore a quelli imposti dai rivali Apple e Samsung. Al momento Xiaomi non vende negli Stati Uniti (dove alcuni modelli, ma non gli ultimi, saranno commercializzati dall'operatore Us Mobile) o in Europa ma "i mercati occidentali", ha aggiunto Barra a margine della presentazione, "sono sicuramente nel nostro radar". Il vicepresidente ha comunque precisato che "è prematuro ipotizzare la tempistica di esordio" della compagnia in Usa o nel Vecchio Continente. L'obiettivo però c'è "e stiamo lavorando per realizzarlo", ha assicurato.

Fondata nel 2010, Xiaomi è anche detta la "Apple cinese", accusata più volte dalla stessa azienda di Cupertino di copiare i suoi modelli. In pochi anni ha scalato il mercato dei telefonini: ha chiuso il 2015 come primo produttore, in termini di consegne, in Cina e come quinto al mondo.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA