• Governo: Salvini e Di Maio rilanciano su Savona. Colle avverte: 'No ai diktat'

Governo: Salvini e Di Maio rilanciano su Savona. Colle avverte: 'No ai diktat'

Si parte con il Gruppo Misto. Bonino: 'Faremo un'opposizione molto rigorosa'. Berlusconi intanto conferma il no di FI alla fiducia al governo: 'E' un governo giustizialista', sottolinea in una nota

"Lasciamo a Conte l'onore e l'onere di proporre i nomi e i ruoli di chi si farà carico di realizzare quello che gli italiani aspettano", ha spiegato il leader della Lega Matteo Salvini dopo la consultazione con il presidente del Consiglio incaricato Giuseppe Conte.

Ma bisognerà aspettare il ritorno del premier incaricato al Quirinale per capire come si scioglierà la tensione tra il Colle e i partiti di maggioranza sul rebus della composizione del governo. Al momento sulla figura di Paolo Savona, indicato al Mef, restano le distanze. Lui stesso, interpellato dai giornalisti, ha detto: "Non ho nulla da dire, il silenzio oggi vale più del parlare". Mentre sul fronte parlamentare Conte è entrato nel vivo degli incontri con i partiti, ricevendo un 'no, grazie' da LeU, Fdi, Pd e Fi ma - ovviamente - le rassicurazioni di Lega e M5s.

"E' stata una giornata proficua da tutti i punti di vista", ha detto Giuseppe Conte al termine delle consultazioni. Ed ha aggiunto: "Dedicherò l'intera giornata di domani ad elaborare una proposta da sottoporre a al presidente della Repubblica, i ministri che proporrò saranno politici, così come il sottoscritto, saranno persone che condividono obiettivi e programmi del governo del cambiamento e che avranno dato prova di poter adempiere alle funzioni pubbliche loro affidate con disciplina e onore".

La giornata di consultazioni si avvia alla fine e culminerà nel primo incontro ufficiale tra il presidente del consiglio incaricato ed i soci di maggioranza Matteo Salvini e Luigi Di Maio. Nel pomeriggio, dopo aver "incassato" 4 voti in più al Senato dai parlamentari M5S e Maie, Conte si è scontrato con l'opposizione più o meno garbata. "Non conoscevo Conte e ho trovato in lui un modo di trattare i temi in sintonia con il mio, da giurista", apprezza l'ex presidente del Senato Pietro Grasso che, pur ribadendo la collocazione all'opposizione, ha riconosciuto a Conte di "tener conto dei trattati internazionali".

No anche da Giorgia Meloni che però precisa che su temi come il controllo dell'immigrazione, l'aiuto per la natalità, la flat tax "ci saremo". Non lascia margini invece il reggente del Pd Maurizio Martina, schierato "sul fronte alternativo" per un'opposizione "determinata, seria e responsabile". E se lo spread, considerato da molti un termometro, tocca il picco a 195 punti, e l'Ue con il commissario agli affari economici Pierre Moscovici ribadisce "preoccupazioni tangibili, come mettere sotto controllo il debito che è alto", nella stampa internazionale c'è anche chi non vede il nuovo governo come il fumo negli occhi. "Date una possibilità ai nuovi governanti italiani", titola un commento nell'edizione online del Financial Times.

IL VIDEO

Le parole del leader del Carroccio pesano sui mercati facendo schizzare lo spread a sopra 190. Intanto arriva l'alert dal Quirinale. Dal Colle si puntualizza che il tema all'ordine del giorno non è quello di presunti veti ma, al contrario, quello dell'inammissibilità di diktat nei confronti del presidente del Consiglio e del presidente della Repubblica nell'esercizio delle funzioni che la Costituzione attribuisce a tutti due.  La Costituzione - si evidenzia - prevede scelte condivise tra presidente del Consiglio e presidente della Repubblica sulla scelta dei ministri. La preoccupazione del Colle è che si stia cercando di limitare l'autonomia del presidente del Consiglio incaricato e, di conseguenza, del presidente della Repubblica nell'esercizio delle loro prerogative. L'articolo 92 della Costituzione, tra le altre cose, recita: "il Presidente della Repubblica nomina il Presidente del Consiglio dei ministri e, su proposta di questo, i ministri".

"Ma quale diktat? Piuttosto idee, proposte e suggerimenti...", afferma Matteo Salvini interpellato sulla dichiarazione del Quirinale. "C'è un economista che rappresenta la volontà degli italiani di contare di più in Europa", spiega Salvini che su un piano B sottolinea: "Abbiamo già il migliore a disposizione, Savona è la garanzia che l'Italia può sedersi ai tavoli da protagonista. Mi sfugge il perché si dovrebbe dire "no" a Savona".

Conte comunque intanto prova a stringere i tempi e punta a chiudere la partita entro sabato, giornata nella quale potrebbe avere luogo - con eventuale slittamento a domenica - il giuramento del nuovo esecutivo. Dopo aver dedicato la giornata di oggi alle consultazioni con i partiti, Conte domani lavorerà alla squadra di governo, presumibilmente assieme a Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Entro domani sera, M5S e Lega puntano a chiudere la partita ministri: Conte potrebbe salire al Colle già nella serata di venerdì o nella mattinata di sabato con la lista dei nomi. Partita, nella quale resta il nodo dell'Economia con il Movimento e il Carroccio che non sembrano voler arretrare dalla loro prima scelta, Paolo Savona. Se il timing verrà rispettato lunedì e martedì prossimo il premier potrebbe venire alle Camere per la fiducia.

LA DIRETTA

Mentre il ministro dell'Economia uscente Pier Carlo Padoan rivendica il recupero del pil dal 2008 grazie al lavoro dei governi di centrosinistra, Matteo Renzi schiera saldamente il Pd all'opposizione. "Opposizione dura e rigorosa, ma civile. Adesso loro diventano il potere, loro diventano l'establishment, loro diventano la casta. Non hanno più alibi, non hanno più scuse", annuncia l'ex premier. E sulla stessa linea si schiera Silvio Berlusconi. "Questo governo - annuncia il Cav - non potrà vedere il sostegno di Forza Italia, sia per la partecipazione di una forza politica con noi del tutto incompatibile come il M5S, sia per i programmi gravemente insufficienti a dare una risposta ai bisogni degli italiani". "E' un governo espressione del Movimento cinque stelle - ha detto Maurizio Lupi, capogruppo di noi con l'Italia - non lo sosteniamo". Sosterranno il governo di Conte il Maie e gli ex M5s.

IL TIMING PER L'ESECUTIVO

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA