Governo: M5s avvia confronto su programmi, vede Fi, Lega e LeU

Ieri il duello tra Salvini e Di Maio

M5s avvia il confronto con i gruppi sui programmi incontro alla Camera tra i capigruppo di M5s con Forza Italia. Danilo Toninelli e Giulia Grillo hanno incontrato Anna Maria Bernini e Maria Stella Bernini. "E' stato un incontro molto utile: abbiamo ascoltato le loro proposte e abbiamo presentato le nostre. Andremo avanti con un confronto parlamentare continuativo al livello dei capigruppo", ha detto la Bernini al termine.

Incontro anche con i capigruppo del Carroccio Giancarlo Giorgetti e Gian Marco Centinaio.

I pentastellati hanno incontrato poi LeU. "Noi abbiamo detto che non ci sottraiamo al dialogo e al confronto sulle cose concrete anzi vediamo positivamente il fatto che si esca da una fase in cui si parla di poltrone. Sul confronto parlamentare diamo la nostra totale disponibilità". hanno detto lasciando la riunione che si è tenuta alla Camera con i capigruppo M5s i rappresentanti di Leu, Loredana De Petris e Federico Fornaro. 

Nel frattempo, Matteo Salvini, frena sul reddito di cittadinanza. "Dopo 5 anni di propaganda ora scoprono che si sono sbagliati. Per anni hanno promesso soldi, illudendo le persone e speculando sulla pelle di chi non ce la fa. Passata la festa, gabbato lo santo. Vergogna". E' questo il retweet con cui l'account Lega-Salvini Premier rilancia un'intervista in cui l'esponente Pd Michele Anzaldi critica, in maniera dura, il reddito di cittadinanza portato avanti dal M5S.

Scelti gli uffici di presidenza al Senato e della Camera  

Le consultazioni al Quirinale inizieranno mercoledì 4 aprile. Ma il primo giro rischia di andare a vuoto. Perché la via di un'intesa giallo-verde è irta di ostacoli, a partire dalla volontà di Salvini di includere Forza Italia. Il M5s prova a rilanciare la propria iniziativa convocando già per domani un incontro "sui programmi" dei capigruppo di tutti i partiti. Ma il Pd, corteggiato dai grillini e agitato dalle sue divisioni, si tira fuori: "Non avranno i nostri voti", dice Matteo Renzi.

Anche Salvini, che ieri in serata tiene un comizio a Venafro in vista delle elezioni molisane, prova a spingere sull'acceleratore: "O parte un governo o si va subito al voto. Non ci sto a tirare a campare, discutere per un anno di legge elettorale sarebbe devastante". Il leader della Lega assicura che il centrodestra è "granitico", anche se al primo giro di consultazioni ognuno si presenterà per proprio conto. E aggiunge che con il M5s "c'è un dialogo": un governo è possibile. I Cinque stelle proseguono in realtà un corteggiamento sotto traccia al Pd. Ma Salvini, che fa sapere che non accetterebbe un incarico "al buio" senza avere prima un accordo, mostra di non crederci: "Voglio veder Di Maio trovare 90 voti in giro che si convincono...".

Il leader della Lega esclude un esecutivo con i Dem, ma assicura che M5s non ha l'esclusiva dei contatti: "Sento tutti i pezzi del Pd". L'accenno di Salvini ai "pezzi" del Pd non è casuale, perché dietro l'unità sulla linea dell'opposizione, il partito democratico sembra diviso in due, tra renziani e orfiniani che rifiutano ogni dialogo e il correntone "governista" che non vuole l'Aventino.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA