• Addio a Dolores O'Riordan, cantante dei Cranberries. Polizia: 'Nessun sospetto sul decesso'

Addio a Dolores O'Riordan, cantante dei Cranberries. Polizia: 'Nessun sospetto sul decesso'

Tanti i tributi all'artista, dagli U2 ai R.E.M., i colossi della musica rock contemporanea la ricordano sui social

Redazione ANSA

Addio a Dolores O'Riordan, trovata morta in un hotel di Londra a 46 anni. Secondo la polizia britannica, non c'è alcun sospetto sulle cause del decesso della cantante di Cranberries. Un medico legale dovrebbe pronunciarsi a breve sulle cause della morte.

Il suo pezzo più famoso, Zombie, è diventato uno dei brani più cliccati e ascoltati nelle ultime ore e sul canale YouTube ufficiale dei Cranberries ha già oltrepassato la quota di 600 milioni di visualizzazioni. E' anche questo il tributo mondo della musica alla leader dei Cranberries morta improvvisamente a 46 anni a Londra. La cantante irlandese "era terribilmente depressa", secondo quanto riferiscono gli amici al tabloid britannico Daily Mail.

 

"Poteva parlare della fragilità di tutti noi. Il bel canto di Limerick", scrivono in un post su Instagram Bono, The Edge, Adam and Larry degli U2. Cordoglio anche dai R.E.M. di Michael Stipe, che in un tweet scrivono: "Dolores era uno spirito brillante e generoso, con uno spiccato senso dell'umorismo e una voce straordinaria". A distanza di poche ore dalla notizia della scomparsa di della loro leader, la stessa band dei Cranberries scrive su Twitter: "Era un talento straordinario e ci sentiamo privilegiati di aver fatto parte della sua vita dal 1989. Il mondo ha perso una vera artista oggi".

IL POST DEGLI U2 SU INSTAGRAM

Dopo poche ore, sui social è apparso anche un tweet con il ricordo e il ringraziamento del padre di una delle due piccole vittime di un attentato dell'IRA nel '93, che ispirarono la canzone Zombie.

O'Riordan si trovava nella capitale britannica per una sessione di registrazione con l'intera band irlandese dei Cranberries. La famiglia ha appreso la notizia ed é "distrutta" dal dolore: ha fatto sapere di aver bisogno di "privacy in questo momento tanto difficile". In Italia tra i primi a ricordare la cantante, con dolore e commozione in un lungo post, è stato il leader dei Negramaro Giuliano Sangiorgi, che con Dolores ha inciso un brano.

SINEAD O'CONNOR, UNO DEI SUOI MITI

UNO DEI SUOI ULTIMI LAVORI


Nell'estate del 2017 la band, che era attesa anche in Italia, aveva annullato il tour europeo. Ad annunciarlo era stata la società organizzatrice Live Nation, spiegando che "i medici hanno ordinato a Dolores O'Riordan di non riprendere il tour come programmato, affinche' possa completare le terapie che sta seguendo e raggiungere una piena guarigione".

IL TWEET DEI R.E.M. 

"E' con enorme dispiacere - aveva commentato il gruppo - che cancelliamo questi concerti. Dolores sta facendo grandi progressi, tuttavia non vogliamo mettere a rischio la sua ripresa. Eravamo entusiasti di essere tornati in tour a condividere la nostra musica con i nostri fan, e non vediamo l'ora di tornare sul palco quanto prima". 

Il 28 aprile 2017 era uscito l'ultimo album dei Cranberries, "Something Else", che contiene tre brani inediti e i successi della band irlandese rivisitati in chiave orchestrale.

Il loro ultimo lavoro ha un legame con il primo disco "Everybody Else Is Doing It". "Non è un titolo causale - aveva spiegato la stessa Dolores O'Riordan -. Non dice per forza che ci sarà qualcos'altro e non dice nemmeno che questo sia un gran finale. Credo che segni un legame con il primo disco piuttosto bene. Non ho idea di cosa ci sia in serbo per noi. Non sono piu' gli anni '90, questo e' sicuro. E nemmeno vorrei che lo fossero. Spero ci sia del nuovo. Spero che ai fan piaccia quello che abbiamo fatto con le canzoni".

Nel 2012 i Cranberries erano tornati in scena dopo un lungo periodo di separazione. Il capitolo discografico della nuova era della band, originaria di Limerick, era stato intitolato 'Roses' ed era  uscito a distanza di undici anni da 'Wake up and smell the coffee', ultimo album in ordine di tempo firmato dai quattro della band prima dello scioglimento avvenuto nel 2003.

"Ci siamo ritrovati a suonare assieme nel 2009, in occasione di un concerto organizzato per la laurea ad honorem che il Trinity College di Dublino ha consegnato a Dolores. Poi una sera siamo usciti a cena e abbiamo deciso di provare a riunire il gruppo prima che fosse troppo tardi'' raccontavano Fergal Lawler, Mike e Noel Hogan, tre quarti della band irlandese e rispettivamente batterista, bassista e chitarrista. Durante il
periodo successivo allo scioglimento del gruppo, la cantante ha intrapreso anche una sua carriera solista, con alterna fortuna. "Non abbiamo mai pensato di rimettere assieme la band senza di lei - raccontano i tre - perche' i Cranberries sono qualcosa di speciale e di molto simile ad una famiglia. Semplicemente l' abbiamo aspettata".

I CRANBERRIES OSPITI A SANREMO NEL 2012 (DA YOUTUBE)

In Italia, oltre a diversi live, i Cranberries salirono sul palcoscenico del Teatro Ariston come ospiti al Festival di Sanremo nel 2012, esibendosi anche con 'Zombie', il brano più famoso della loro carriera. ''Durante il tour di reunion - avevano commentato i musicisti del gruppo - abbiamo visto davanti al palco un pubblico di varie generazioni, dagli adolescenti fino ai cinquantenni. E' stato bello vedere come la nostra musica interessi anche ai piu' giovani che magari ci hanno scoperto solamente grazie ad internet''.

 

Sui social ha ricordato Dolores O'Riordan anche Zucchero, postando il duetto al Live alla Royal Albert Hall: insieme cantarono 'Pure Love'

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in