• Ancora tensione nella maggioranza. Salvini: 'Troppe opere bloccate dal Mit'

Ancora tensione nella maggioranza. Salvini: 'Troppe opere bloccate dal Mit'

Il vicepremier: 'Non ho incontri con Di Maio, siamo nelle mani di Dio'. Autonomia: Zaia, non si creerà Paese di serie A e B

Resta alta la tensione nella maggioranza con i dossier caldi dell'autonomia e della Tav sul banco e Lega ed M5s che continuano a discutere. ""Non ho incontri in agenda. Per il futuro siamo nelle mani del buon Dio", dice il vicepremier Matteo salvini replicando a una domanda domanda durante la conferenza stampa a Firenze. Il vicepremier, inoltre, torna ad attaccare il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli al centro di una polemica, tra l'altro, per il licenziamento di uno degli esperti dell'analisi costi-benefici sulla Tav

"Ci sono troppe infrastrutture bloccate dal ministero dei Trasporti. Il Mit deve aiutare la gente a viaggiare e non bloccare porti, aeroporti, ferrovie, tunnel, autostrade. Il vero problema è il blocco di centinaia di opere pubbliche", ha detto parlando con i giornalisti a Firenze. A chi chiedeva se chiederà un rimpasto di Governo Salvini ha risposto: "Non è questione di rimpasto, se uno fa il ministro ai blocchi stradali, noi siamo al governo per sbloccare le strade, non per bloccarle".

"Dire che io sono il ministro dei blocchi stradali è come dire che Salvini è un ministro che non blocca le ong". L'ha detto il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli. "Vengo da un tavolo di crisi Cmc, da un decreto salva imprese che permette a decine di pmi siciliane, per lavori già fatti, di non fallire; vengo dall'inaugurazione di un cantiere al tribunale di Caltanissetta, che cadeva a pezzi e sta riaprendo dopo anni di nulla. Ripeto: dire a me che sono il ministro che blocca i cantieri è come dire a Salvini che è il ministro che non blocca le Ong".

"Il trambusto intorno al governo è legato", al taglio dei parlamentari, dice Luigi Di Maio. "Ma ve li immaginate senza poltrona mentre si cercano un lavoro come tutte le persone normali? È quindi chiaro che, chi vuole buttarci giù, è chi vuole restare nella preistoria per tenersi stretto il suo posto a Roma". "Ma noi non ci arrendiamo. Taglieremo i parlamentari e cambieremo davvero il Paese. Ormai - conclude - manca davvero poco. Meno di due mesi!".

Intanto il governatore del Veneto Zaia difende il progetto dell'autonomia. "I vantaggi dell'Autonomia - sottolinea - sono l'efficienza e la responsabilità, soprattutto premiare le virtuosità, ma non si creerà un Paese di serie A e di serie B". "Questa è una brutta manfrina - aggiunge - che non vogliamo più sentire". La verità, per Zaia, "è che da un lato i cittadini avranno risposte celeri e avranno viste ridotte le catene decisionali. Dall'altro per quanto riguarda i cittadini del Sud finalmente riusciranno a misurare la qualità dei loro amministratori, perchè questa è la verità". "Oggi già abbiamo un esempio di Autonomia, che è quella della sanità: non c'è l'Autonomia del Veneto, non c'è quella della Lombardia o dell'Emilia Romagna ma nella sanità tutte le regioni hanno un budget e la gestione della sanità - spiega -. Se ci sono ancora regioni che vedono i loro cittadini costretti a fare le valigie per andarsi a curare fuori regione, molto probabilmente il problema non è dell'Autonomia ma della mala gestio da parte di qualcuno". "Noi abbiamo fatto un progetto serio, validato a livello scientifico: non vogliamo la secessione dei ricchi, non possiamo accettare che si dica che vogliamo creare un Paese di serie A e di serie B, vogliamo solo l'efficienza, la responsabilità e la modernità di questo Paese". Lo sottolinea il governatore del Veneto Luca Zaia.

Fico, qualsiasi intesa passerà in Parlamento - "L'autonomia regionale non deve dividere il Paese, non deve lasciare il Sud nella condizione economica in cui si trova ma deve essere un'autonomia che dà qualche potere in più alle Regioni. L'Italia è unita, una e indivisibile e bisogna lavorare e coordinarsi insieme. Qualsiasi sia l'intesa, passerà in Parlamento". Lo ha detto il presidente della Camera Roberto Fico a Napoli commentando le polemiche degli ultimi giorni.

 

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA