Libia, liberi i due tecnici della Bonatti rapiti insieme a colleghi uccisi a Sabrata

"Stiamo bene ma siamo provati. Vogliamo tornare a casa", il messaggio di Gino Pollicardo e Filippo Calcagno

 "Stiamo bene ma psicologicamente devastati, vogliamo tornare a casa". Sono le prime parole da uomini liberi di Gino Pollicardo e Stefano Calcagno, i tecnici della Bonatti rapiti otto mesi fa in Libia insieme con altri due colleghi, che invece sono rimasti uccisi mercoledì. Adesso sono al sicuro, in attesa di un rapido rimpatrio. Non è chiaro, invece, se i due si siano liberati da soli o se in seguito ad un blitz di milizie locali di Sabrata contro un gruppo jihadista. Numerosi sono i punti oscuri sulla dinamica che ha portato alla fine della loro prigionia, come anche alla tragica morte di Salvatore Failla e Fausto Piano. (CHI SONO I QUATTRO RAPITI -LEGGI)

La notizia sulla liberazione di Pollicardo e Calcagno, diffusa dal quotidiano la Stampa, è stata confermata in tarda mattinata dalla Farnesina. I due, è stato spiegato, sono in buona salute e si trovano sotto tutela del Consiglio militare di Sabrata, città a ovest di Tripoli dove le milizie locali da giorni fronteggiano gruppi filo-Isis. A tranquillizzare i familiari ci pensano i due tecnici, in un video che li ritrae seduti uno accanto all'altro, visibilmente dimagriti: "Sono Gino Pollicardo e sono qui con il mio collega Filippo Calcagno. Siamo in un posto sicuro, in un posto di polizia qui in Libia. Stiamo bene e speriamo di tornare urgentemente in Italia perché abbiamo bisogno di ritrovare la nostra famiglia", spiegano. Su un biglietto, scrivono di stare "bene fisicamente ma psicologicamente devastati". E riescono a parlare al telefono con i propri cari. Fonti di intelligence hanno poi reso noto che presto saranno trasferiti in una 'zona sicura' e presi in consegna da agenti italiani che li riporteranno in patria.

Il video - "Sono Gino Pollicardo e sono qui con il mio collega Filippo Calcagno. Siamo in un posto sicuro, in un posto di polizia qui in Libia. Stiamo bene e speriamo di tornare urgentemente in Italia perché abbiamo bisogno di ritrovare la nostra famiglia": questo il testo del primo video diffuso dei due ostaggi italiani in Libia. Aggiunge Calcagno: ci stanno trattando bene". 

فيديو للايطاليين الذين تم تحريرهما

Pubblicato da ‎المركز الإعلامي صبراتة - Sabratha Media Center‎ su Venerdì 4 marzo 2016

Il messaggio -  "Io sono Gino Pollicardo e con il mio collega Filippo Calcagno oggi 5 marzo 2016 siamo liberi e stiamo discretamente fisicamente, ma psicologicamente devastati. Abbiamo bisogno di tornare urgentemente in Italia". Questo il messaggio scritto in stampatello su un foglietto di quaderno insieme ad una foto di Pollicardo e Calcagno, con barba e capelli, mentre parlano al telefono dopo la liberazione. 

La gioia dei familiari - "E' finita, è finita", ha detto il figlio di Gino Pollicardo, Gino jr. mentre stava entrando in casa (ASCOLTA L'AUDIO). La moglie Emma Orellana in lacrime ha detto: "L'ho sentito al telefono".  Una "gioia immensa - ha aggiunto - rattristata dalla notizia dell'uccisione degli altri due colleghi". "Credetemi, è una gioia dopo tanti mesi di attesa e di tensione. Ringrazio tutti quelli che ci sono stati vicini, dalla Farnesina ai nostri compaesani, anche al parroco che stamattina ha fatto suonare le campane in segno di festa", ha aggiunto. 

"Sentire la voce di Gino è stata una sensazione incredibile, ho provato una gioia pazzesca, non lo avrei mai immaginato. Questi 288 giorni sono stati un'esperienza terribile". Così Ema Pollicardo (ASCOLTA L'AUDIO) ha spiegato, in lacrime e tremante per l'emozione, cosa ha provato stamani quando ha risentito per la prima volta dal luglio scorso la voce del marito. "Penso però ai due colleghi che non ci sono più e provo una tristezza infinita. Provo gioia e tristezza insieme".

Saranno "restituiti immediatamente all'Italia una volta terminati gli interrogatori", ha in serata riferito all'ANSA il capo del Consiglio militare di Sabrata Altaher Algrabli che ha aggiunto che i corpi di Failla e Piano arriveranno domani a Tripoli dove saranno "terminate le autopsie e le altre procedure". Le salme "saranno rimpatriate nel più breve tempo possibile", ha precisato. La dinamica dei fatti, invece, è ancora tutta da chiarire. Il capo del Consiglio municipale di Sabrata, Hussein al-Zawadi, ha sostenuto che Pollicardo e Calcagno erano in mano ad un gruppo filo-Isis e sono riusciti a sfondare da soli la porta della casa in un cui erano tenuti prigionieri, nella parte nord-ovest della città. Allertati da vicini di casa sono poi intervenuti i miliziani locali che li hanno trovati in buone condizioni, anche se non mangiavano da una settimana. Sempre da Sabrata, il capo del Consiglio militare Algrabli ha poi spiegato che la liberazione è avvenuta attraverso un blitz in un immobile vuoto, controllato da un altro gruppo dell'Isis rispetto a quello che deteneva i tecnici rimasti uccisi. Nel blitz, le milizie avrebbero messo in fuga i jihadisti, provocando la morte di tre uomini. Due donne che erano con loro hanno attivato le cinture esplosive e sono morte insieme a tre bambini.

Risposte importanti dovrebbero arrivare dall'autopsia disposta dalla Procura di Roma, non appena i corpi rientreranno in Italia. Allo stesso modo, Pollicardo e Calcagno potranno fornire informazioni decisive per scoprire da chi sono stati rapiti, lo scorso luglio, nel caos di un Paese senza pace da 5 anni in cui bande criminali, milizie rivali e gruppi jihadisti si contendono il territorio, utilizzando gli stranieri come merce di scambio per denaro o per guadagnare spazio politico. Al momento, si registra il sollievo e la gioia per i familiari e gli amici di Calcagno e di Pollicardo, che aspettano di festeggiare il rientro dei propri cari. E all'opposto, il dolore e la rabbia tra i familiari di Piano e di Failla. che adesso pretendono spiegazioni. Ad esempio, come è stato possibile che l'uccisione dei loro cari e il rilascio dei colleghi sia avvenuto ad appena 24 ore di distanza. 

 

DAL RAPIMENTO ALLA LIBERAZIONE - LA STORIA

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA