Chi sono i quattro italiani rapiti in Libia

Piano e Failla uccisi ieri. Pollicardo e Calcagno liberati oggi

Fausto Piano, Salvatore Failla, Gino Pollicardo e Filippo Calcagno sono stati vittima di un rapimento, nel caos della Libia post Gheddafi, il 20 luglio scorso nella zona di Mellitah, a 60 km di Tripoli. Lavoravano tutti per la Bonatti, un'azienda di Parma impiegata nella costruzione di impianti petroliferi per conto di Eni. Pollicardo e Calcagno sono stati liberati, mentre Piano e Failla sono stati uccisi ieri, a Sabrata. Secondo una prima ricostruzione degli avvenimenti, quest'ultimi erano stati separati da Pollicardo e Calcagno. La loro morte sarebbe avvenuta durante un trasferimento su un convoglio attaccato dalle forze di sicurezza libiche. Altri testimoni sostengono che siano stati usati come scudi umani dai jihadisti dell'Isis.

- FAUSTO PIANO, 60 anni, meccanico, di Capoterra (piccolo comune dell'hinterland cagliaritano). Nel suo paese, dove vivono i suoi genitori e la moglie, faceva sempre ritorno. Il sindaco di Capoterra due settimane dopo il sequestro aveva organizzato una fiaccolata per chiedere la sua liberazione. Piano è stato ucciso ieri a Sabrata insieme a Salvatore Failla.

- SALVATORE FAILLA, 47 anni, è di Carlentini, paese del siracusano, dove abita la sua famiglia. Failla, sposato, padre di due ragazze di 22 e 12 anni, saldatore specializzato, spesso era costretto a lunghe trasferte all'estero per il suo lavoro. L'operaio che da diversi anni lavorava per la Bonatti; prima di recarsi in Libia era stato impegnato in un altro cantiere in Tunisia.

- FILIPPO CALCAGNO, 65 anni, di Piazza Armerina, in provincia di Enna è uno dei due ostaggi liberati. La famiglia del tecnico, sposato e padre di due figlie, risiede nel comune siciliano. Calcagno, il più anziano dei quattro sequestrati in Libia, ha lavorato diversi anni all'estero prima con l'Eni poi con la Bonatti. Il tecnico è stato liberato, insieme a Pollicardo.

- GINO POLLICARDO, 55 anni, di Monterosso (La Spezia), anche lui liberato. Nel piccolo borgo delle Cinque Terre, dove vivono anche la moglie e i suoi parenti, il tecnico è molto noto. Il figlio Gino junior ha annunciato oggi la sua liberazione e la moglie Ema Orellana, in lacrime, ha riferito di averlo "sentito al telefono".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA