Manchester, fratello Abedi progettava uccidere inviato Onu

Gruppo jihadista voleva colpire Martin Kobler a Tripoli

Hasham Abedi, il fratello minore dell'attentatore di Manchester Salman Abedi, faceva parte di una cellula terroristica che progettava di uccidere in un attentato l'inviato dell'Onu in Libia, il tedesco Martin Kobler. E' quanto rivela il Sunday Telegraph, secondo cui il 20enne arrestato a Tripoli dopo la strage compiuta dal fratello in Inghilterra era una "figura significativa" all'interno del gruppo jihadista. I terroristi stavano ultimando un ordigno esplosivo col quale colpire il convoglio di Kobler all'inizio dell'anno a Tripoli ma le forze di sicurezza libiche hanno sventato il complotto.

La polizia di Manchester ha diffuso nuove immagini, prese da una telecamera di sorveglianza a circuito chiuso, di Abedi nella notte in cui commise l'attacco. Le fotografie mostrano il kamikaze con indosso scarpe da ginnastica, in jeans con giacca scura e berretto da baseball. Sulle sue spalle sono visibili le cinghie di un zaino. Il capo della polizia di Manchester, Ian Hopkins e Neil Basu, deputy assistant commissioner di Scotland Yard, hanno sollecitato chiunque avesse informazioni sui movimento di Abeli negli ultimi giorni prima della strage a contattare la polizia. Secondo Sky News la polizia avrebbe inoltre scoperto l'appartamento nel centro di Manchester nel quale potrebbe essere stato assemblato l'ordigno usato per l'attentato.

Ed è stato compiuto un nuovo arresto nelle indagini sulla strage di Manchester portando così a 12 le persone in custodia. Ne dà notizia la polizia della città inglese secondo cui è finito in manette un uomo di 25 anni. L'arresto è avvenuto nella zona di Old Trafford dove si trova il celebre stadio del Manchester United.

SAFFIE, LA VITTIMA PIU' GIOVANE AVAVE APPENA 8 ANNI

'Abedi si unì a padre in rivolta anti-Gheddafi' - Risale al 2011 il primo viaggio di Salman Abedi in Libia, quando il futuro terrorista autore della strage alla Manchester Arena - non ancora maggiorenne - si unì al padre Ramadan, vecchio oppositore di Gheddafi, rimpatriato dalla Gran Bretagna per partecipare alla rivolta contro il regime di Tripoli sostenuta da Londra e da Parigi. Lo rivela un amico di famiglia citato dalla Bbc, aggiungendo che Salman, approfittò delle "vacanze scolastiche" per compiere la missione. Successivamente il giovane tornò a Manchester per diplomarsi alla Burnage Academy for Boys, riferiscono ancora i media britannici, prima d'iscriversi nel 2013, 18enne, alla Salford University, nella facoltà di 'business and management'. E più tardi di abbandonare gli studi universitari a metà.

Una foto di Salman El Abedi, autore della strage

LO SPECIALE 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA