"La Argento risarcì accusatore molestie", riporta il NYT

Dall' attrice soldi all'allora 17enne Bennett

Asia Argento, tra le più importanti attiviste del movimento #MeToo contro le molestie sessuali, si sarebbe recentemente accordata per risarcire un giovane attore che la denunciò per averlo aggredito sessualmente quando lui aveva 17 anni. Lo riporta il New York Times.  L'attrice, 42 anni, avrebbe pagato 380mila euro per fermare l'azione legale che voleva intentare Jimmy Bennett, ora 22enne, poco dopo aver detto a ottobre che il magnate del cinema Harvey Weinstein l'aveva stuprata. Argento e Bennett hanno recitato in un film del 2004 dal titolo 'Ingannevole è il cuore più di ogni cosa', in cui l'attrice interpretava la madre prostituta del giovane attore. Bennett afferma di aver fatto sesso con Argento in un albergo della California nel 2013. L'avviso di azione legale afferma che la cosa traumatizzò Bennett e danneggiò la sua carriera. Il giornale ha riferito di aver ricevuto documenti giudiziari che includevano un selfie di Argento e Bennett a letto.

Mentre pubblicamente aiutava Asia Argento nel suo ruolo di eroina del movimento #MeToo, Anthony Bourdain dava alla compagna sostegno nel "gestire" le minacce di azione legale pervenute da Jimmy Bennett, un ex attore-bambino che affermava di esser stato aggredito sessualmente cinque anni fa in un hotel californiano dall'attrice e regista italiana quando era ancora minorenne.

Sky, se confermate notizie Argento fuori da X Factor

Secondo la ricostruzione del New York Times, dopo aver letto lo scorso ottobre sul New Yorker le accuse di Asia a Harvey Weinstein, Bennett invio' la minaccia di azione legale al legale di Bourdain, Richard Hofstetter, che all'epoca rappresentava anche la Argento. L'attrice successivamente giro' il caso a Carrie Goldberg, una avvocatessa esperta nella difesa di vittime di bullismo online. Hofstetter sta attualmente occupandosi dell'eredita' di Bourdain che si e' tolto la vita lo scorso giugno in Francia. "Anche se Bourdain aiuto' la Argento a gestire la vicenda, ne' Hofstetter, ne' la sua agente Kimberly Witherspoon, ora portavoce della moglie separata Ottavia Brusia, hanno voluto commentare questo articolo", scrive il Times.

Rose McGowan prende le distanze da Asia Argento. L'attrice e attivista del movimento #MeToo si e' detta devastata dalla notizia che la collega avrebbe pagato 380 mila dollari per mettere a tacere un giovane attore che voleva denunciarla per molestie sessuali commesse quando lui non aveva ancora 18 anni. "Ho il cuore spezzato e continuero' a battermi per difendere le vittime delle molestie", ha detto Rose, precisando di aver conosciuto Asia dieci mesi fa e che "l'unico punto in comune tra noi era di esser state aggredite da Harvey Weinstein". La McGowan è finita nel dicembre 2017 sulla copertina della Persona dell'anno di Time nel gruppo delle donne che "hanno rotto il silenzio". 

Rose McGowan con Asia Argento


   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA