Maltempo: nevica anche a quote basse, e poi arriva il gelo

Ed è prevista seconda ondata di gelo entro metà marzo

Prime nevicate sull'Italia, anche a quote basse. Imbiancata Bologna, neve nelle zone montane del Piemonte, in Toscana in Alto Mugello, nelle Marche, anche nelle zone terremotate. Raffiche di Bora a 133 km orari a Trieste. Grande freddo in Sardegna e neve in Gallura. E' atteso però un ulteriore calo delle temperature: l'ondata di gelo che sta per investire l'Europa e da domenica sera arriverà in Italia sarà paragonabile a quella del febbraio 2012 o del gennaio 1985. Lo fanno sapere i meteorologi del Centro Epson Meteo-Meteo.it, precisando che sono attese nevicate, un crollo termico e giornate di ghiaccio (ovvero con temperature che anche di giorno non supereranno lo zero). 

Tra lunedì e martedì le temperature potrebbero scendere su valori di oltre 10 gradi al di sotto della media stagionale (con minime intorno a -7, -8 anche in pianura e massime intorno allo zero, ma a causa del wind chill le percepite potranno risultare nell'ordine di -10/-15). L'aria gelida, precisano i meteorologi, arriva dalla Siberia e per raggiungere il nostro Paese compirà una distanza di circa 5.800 chilometri. Nelle zone d'origine, le temperature al suolo toccheranno i -35 gradi, addirittura -40. L'ondata di gelo coinvolgerà gran parte dei Paesi europei. All'inizio della prossima settimana a Mosca il termometro precipiterà a -27 di notte e non supererà i -12 durante il giorno; a Berlino si arriverà a -15 e a -4; a Parigi -8 e 0; a Londra -6 e 1; a Budapest -16 e -5.

L'ondata di gelo durerà almeno 4 giorni non sarà l'unica di questo inverno: entro la prima metà di marzo, infatti, è possibile l'irruzione di una nuova massa d'aria fredda che porterà nuovamente le temperature sotto zero ovunque. Sono le previsioni di Bernardo Gozzini, direttore del Consorzio Lamma-Cnr.

"L'indebolimento del vortice che si trova sopra il Polo Nord, causato dal riscaldamento della stratosfera - spiega - provocherà, da sabato, una discesa di aria gelida che si riverserà sull'Europa, interessando da domenica sera anche l'Italia. Gli effetti di questo fenomeno in Italia si avranno fino a giovedì, con temperature minime anche di -9 gradi".

La debolezza del vortice polare potrebbe inoltre provocare un altra ondata di gelo entro i primi 15 giorni di marzo. "L'aria fredda - aggiunge Gozzini - potrebbe scendere sulla Siberia o direttamente sull'Europa. Anche in questo caso avremo temperature minime sotto lo zero, ma l'intensità del fenomeno potrà essere valutata nei prossimi giorni". 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA