Liguria paga chirurgia plastica a donne sfregiate

Mozione unanime in Consiglio regionale

All'unanimità il Consiglio regionale della Liguria ha approvato una mozione per "riconoscere le prestazioni sanitarie di chirurgia estetica alle vittime di lesioni personali volontarie" dopo i numerosi casi di donne sfregiate con l'acido. Un documento presentato dalla Lega Nord, che ha trovato il consenso dell'intero centrodestra, del centrosinistra e del M5S. La mozione impegna la Giunta Toti a "valutare la sostenibilità, nei confronti del soggetto aggredito al volto mediante oggetti o atti destinati a provocare lesioni, degli interventi di chirurgia estetica necessari a permettere il recupero funzionale e psicologico del medesimo". "Sfregiare una persona è uno degli atti più violenti, colpisce l'identità - dice la vicepresidente regionale Sonia Viale - provoca ferite nell'animo che non si rimarginano mai,le cure sanitarie sono già garantite dal sistema sanitario, invece il risarcimento e il recupero per le vittime non sono considerati dal nostro ordinamento e auspico che in Parlamento si colmi il vuoto".(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai al Canale: ANSA2030
Vai alla rubrica: Pianeta Camere



Modifica consenso Cookie