10:02

Sri Lanka:si dimette controverso premier

Passo preannunciato dal figlio.Per porre fine a impasse politica

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - COLOMBO, 15 DIC - Il controverso primo ministro dello Sri Lanka, Mahinda Rajapaksa, che dal 26 ottobre occupava la carica senza alcun appoggio parlamentare, ha rassegnato oggi le dimissioni.
    Rajapaksa ha firmato la lettera di dimissioni con al fianco gli esponenti del suo partito, i leader buddisti ed altri dignitari religiosi, in presenza dei media. Come anticipato ieri alla stampa dal figlio Namal, Rajapaksa si è ritirato dalla scena politica "per assicurare la stabilità del paese" e, come dichiarato da Lakshman Yapa Abeywardena, parlamentare a lui vicino, per "porre fine all'impasse" seguita alla nomina a primo ministro.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

10:00

Gilet gialli: Champs-Elysees semideserti

Salgono a 8 i fermi preventivi, imponente schieramento polizia

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - PARIGI, 15 DIC - Alcune decine di gilet gialli sono arrivati sugli Champs-Elysees quasi deserti questa mattina, circondati e guardati a vista da uno schieramento di polizia imponente. Venticinque persone sono state identificate, 8 sono i fermi, contro quasi 300 della scorsa settimana alla stessa ora. Parigi appare calma, i negozi aprono e molti passanti camminano tranquillamente in città. Le protezioni applicate alle vetrine per evitare i danneggiamenti sono decisamente meno numerose.
    Il ministro dell'Interno, Christophe Castaner, si è recato in visita ai reparti schierati a place de la Concorde.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA




05:05

Clima:in Cile nel 2019 conferenza Cop 25

Annuncio presidente Piñera dopo rinuncia di Brasile e Costa Rica

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - SANTIAGO DEL CILE, 15 DIC - Il presidente cileno Sebastián Piñera ha annunciato che il Cile sarà sede nel 2019 della Conferenza delle parti (Cop) sul cambiamento climatico, denominata Cop 25, dopo che una decisione in questo senso è stata ratificata durante la recente conferenza realizzata a Katowice in Polonia.
    A seguito dell'annuncio da parte del Brasile di rinuncia alla organizzazione della Cop 25, Cile e Costa Rica si sono candidati per assumersi la responsabilità di ospitare l'evento, ma le autorità costaricensi si sono ritirate adducendo ragioni finanziarie.
    La conferenza di quest'anno ha avuto come obiettivo di determinare come si raggiungeranno gli obiettivi che sono stati assunti nel 2015 nell'ambito dell'Accordo di Parigi, quando si è stabilito di fare il possibile per mantenere l'aumento della temperatura globale molto al di sotto dei due gradi centigradi in relazione ai livelli pre-industriali e il più vicino possibile ad 1,5 gradi.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

05:03

Clima:in Cile nel 2019 conferenza Cop 25

Annuncio presidente Piñera dopo rinuncia di Brasile e Costa Rica

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - SANTIAGO DEL CILE, 15 DIC - Il presidente cileno Sebastián Piñera ha annunciato che il Cile sarà sede nel 2019 della Conferenza delle parti (Cop) sul cambiamento climatico, denominata Cop 25, dopo che una decisione in questo senso è stata ratificata durante la recente conferenza realizzata a Katowice in Polonia.
    A seguito dell'annuncio da parte del Brasile di rinuncia alla organizzazione della Cop 25, Cile e Costa Rica si sono candidati per assumersi la responsabilità di ospitare l'evento, ma le autorità costaricensi si sono ritirate adducendo ragioni finanziarie.
    La conferenza di quest'anno ha avuto come obiettivo di determinare come si raggiungeranno gli obiettivi che sono stati assunti nel 2015 nell'ambito dell'Accordo di Parigi, quando si è stabilito di fare il possibile per mantenere l'aumento della temperatura globale molto al di sotto dei due gradi centigradi in relazione ai livelli pre-industriali e il più vicino possibile ad 1,5 gradi.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

04:25

Australia, Gerusalemme ovest capitale

Primo ministro: Spostamento ambasciata da Tel Aviv dopo pace

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - SIDNEY, 15 DIC - Il governo australiano ha deciso di riconoscere formalmente Gerusalemme Ovest come capitale di Israele, ma non trasferirà la sua ambasciata fino a quando non ci sarà un accordo di pace. A dirlo è il primo ministro australiano Scott Morrison, che ha aggiunto che l'Australia riconoscerà Gerusalemme Est come capitale della Palestina solo dopo che sarà raggiunto un accordo su una soluzione a due Stati.
    L'ambasciata australiana non sarà spostata da Tel Aviv fino a quel momento. Mentre il trasferimento dell'ambasciata è rinviato, invece il governo australiano aprirà da subito un ufficio che si occupi di difesa e commercio a Gerusalemme e inizierà anche a cercare un luogo appropriato per l'ambasciata. Nel corso di un discorso, Morrisono ha specificato che "il governo australiano ha deciso di riconoscere Gerusalemme Ovest, sede della Knesset e di molte delle istituzioni governative, capitale di Israele".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

22:56

Mille persone a fiaccolata Corinaldo

Striscione 'Dal concerto si esce senza voce non senza vita'.

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - CORINALDO (ANCONA), 14 DIC - Circa mille persone hanno partecipato alla fiaccolata a Corinaldo in memoria delle sei persone morte nella calca alla discoteca Lanterna azzurra.
    Il serpente di folla si è snodato in silenzio, sotto un pioggia sottile, per circa un km e mezzo dall'area della Zipa fino al piazzale davanti alla Lanterna azzurra. Tra la gente il sindaco Matteo Principi, il presidente del Consiglio regionale delle Marche Antonio Mastrovincenzo, vari primi cittadini di altri Comuni vicini. "Questi ragazzi non sono solo figli di questa comunità, sono figli di tutta Italia" ha detto all'ANSA il consigliere comunale di maggioranza del Comune di Rosa Dachan Ahmad Amer che ha sfilato con la fascia tricolore. C'era anche uno striscione con la scritta 'Dal concerto si esce senza voce non senza vita'.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

22:38

Triplice omicidio in nobiltà austriaca

Conte ammazza padre, fratellastro e matrigna friulana

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - TRIESTE 14 DIC - Triplice omicidio nella nobiltà austriaca. La polizia ha arrestato il conte Anton von Goess, di 54 anni, ritenendolo l'omicida del padre, conte Ulrich von Goess, di 92 anni, della moglie, Margherita Cassis Faraone, di 87, friulana, e di un altro figlio del conte, Ernst. Lo riporta il sito del Messaggero Veneto precisando che sarebbe avvenuto a Mistelbach, in Austria, nell'antica dimora di Bockfliess.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

22:34

Torregiani, dovevo sorvegliare Battisti?

Figlio gioielliere ucciso, ma un agente davanti alla sua porta?

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - Alberto Torregiani, figlio di Pierluigi, il gioielliere ucciso dai Pac di Cesare Battisti il 16 febbraio del 1979 questa volta decide di venire meno alla sua compostezza dopo la notizia che il presidente del Brasile, Michel Temer, ha firmato oggi il decreto di estradizione pe Battisti. "Si è reso irreperibile non so quante volte. Possibile che quando è stato chiesto il suo arresto non si potesse mettere un agente davanti alla sua porta per controllarlo? dovevo sorvegliarlo io?", ha detto all'ANSA.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

21:24

Battisti: Temer firma per l'estradizione

Dopo il mandato di cattura. Ma l'ex terrorista è latitante

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - SAN PAOLO, 14 DIC - Il presidente del Brasile, Michel Temer, ha firmato oggi il decreto di estradizione per Cesare Battisti, dopo che Luiz Fux, magistrato del Supremo Tribunale Federale (Stf), ha ordinato ieri l'arresto dell'ex terrorista, lasciando al capo dello Stato la responsabilità di decidere sulla sua consegna alla giustizia italiana, per scontare l'ergastolo al quale è stato condannato per la sua partecipazione in quattro omicidi. Battisti tuttavia è al momento latitante. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

21:11

Maestranze Regio Torino, enti a rischio

Comunicato sindacale prima del debutto della Traviata

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - TORINO, 14 DIC - "E' in atto uno scellerato processo di precarizzazione che porterà alla perdita della qualità e dell'eccellenza che contraddistinguono le Fondazioni Lirico Sinfoniche". E' l'allarme lanciato dai lavoratori del Teatro Regio di Torino dal palco della Traviata, in scena da questa sera con la direzione di Donato Renzetti e la regia di Henning Brockhaus.
    Prima dello spettacolo, un orchestrale ha preso la parola per ricordare che "la stabilità delle masse artistiche, dei tecnici e della componente organizzativa e amministrativa, l'alta e unica capacità del loro lavoro particolare e specializzato, sono la vera essenza di uno spettacolo lirico".
    I lavoratori del Teatro Regio di Torino, ha concluso il rappresentante delle maestranze, "parteciperanno a tutte le possibili battaglie in difesa del proprio teatro ma anche di tutte le Fondazioni, esprimendo intanto la propria solidarietà ai lavoratori dell'Arena di Verona", i cui lavoratori sono in sciopero e occupano da tre mesi la sede della Fondazione".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA