• Sanremo 2017, Tiziano Ferro emoziona. Conti-De Filippi, bene la prima. LA SERATA DI APERTURA

Sanremo 2017, Tiziano Ferro emoziona. Conti-De Filippi, bene la prima. LA SERATA DI APERTURA

Conti-De Filippi, bene la prima. Da Albanese-Cortellesi omaggio a coppie festival. Si balla con Ricky Martin

Foto di Ettore Ferrari - Claudio Onorati

Clementino, Ron, Giusy Ferreri: sono i tre Campioni a rischio eliminazione dal festival di Sanremo. La graduatoria - di cui sono state rese note soltanto le ultime tre posizioni - è stata stilata in base al televoto del pubblico (50%) e alle preferenze della sala stampa (50%). Passano Elodie, Alessio Bernabei, Samuel, Ermal Meta, Lodovica Comello, Al Bano, Fabrizio Moro, Fiorella Mannoia.

Dall'Edera di Nilla Pizzi a Nessun grado di separazione di Francesca Michelin, con un omaggio finale a Luigi Tenco, con Ciao amore ciao 'non classificato' nel 1967: il festival di Sanremo 2017 inizia con una carrellata dei grandi successi, dal 1951 al 2016, che hanno fatto la storia della musica e sono diventati hit anche mondiali.

La prima delle canzoni ricordate è stata L'edera di Nilla Pizzi (1951), tra immagini in bianco e nero e sgranate, recuperate dagli archivi della Rai. Poi è la volta di Adriano Celentano con 24 mila Baci e di Mina con Le Mille Bolle Blu, re e regina ancora oggi della musica italiana. Ma ci sono anche Tony Renis con Quando quando quando, Bobby Solo con Una lacrima sul viso, Pino Donaggio con Io che non vivo. Caterina Caselli è presente con Nessuno mi può giudicare e Little Tony con Cuore matto. Ancora bianco e nero, ancora ricordi ripescati nella memoria: Nada con Ma che freddo fa, Lucio Battisti con Non sarà un'avventura, La prima cosa bella di Nicola di Bari. Come dimenticare Che sarà che sarà dei Ricchi e Poveri e Lucio Dalla prima con 4/3/1943 che si merita il primo applauso della sala stampa, poi con Piazza Grande. Il primo ricordo a colori è di Tu mi rubi l'anima dei Collage. Indimenticato Rino Gaetano con Gianna. E ancora Loretta Goggi con Maledetta primavera, I Ricchi e POveri, Edoardo De Crescenzo e Al Bano e Romina Power con Felicità e Nostalgia Canaglia.

Altri applausi per Vasco Rossi, e commozione per Mia Martini. Sessantasei anni scorrono veloci, tra Matia Bazar, Toto Cutugno, Fiordaliso, Eros Ramazzotti, Zucchero e Giorgia che saranno supero ospiti. Anche alcuni dei Big in gara quest'anno hanno lasciato il segno in passato: Fiorella Mannoia, Marco Masini, Gigi D'Alessio. E ancora tra i più recenti: Renato Zero, Raf, Amedeo Minghi e Mietta, Laura Pausini, Andrea Bocelli, Nek, Patty Pravo, Daniele Silvestri.

GLI ARTISTI IN GARA - LE FOTO, LE PAGELLE

TUTTI I VIDEO

Il teatro Ariston è immerso nel buio. Al centro del palco, l'occhio di bue illumina Tiziano Ferro, che rende omaggio a Luigi Tenco a 50 anni della morte con un'emozionante interpretazione di Mi sono innamorato di te, su immagini in bianco e nero. Visibilmente commosso, Ferro scende dalle scale e attraversa la platea, accolto dagli applausi. Dopo l'interpretazione di Tiziano Ferro, il festival di Sanremo rende omaggio a Luigi Tenco anche con una versione solo strumentale di Vedrai, Vedrai.

SEGUI IL LIVEBLOG

Padrone di casa all'Ariston ormai da tre anni, Carlo Conti inizia scendendo impeccabile le temutissime scale. "Abbiamo iniziato con il toccante ricordo che Tiziano Ferro ha fatto di Tenco, il modo migliore per ricordare questo grande artista a 50 anni dalla morte. Poi l'orchestra con Vedrai vedrai ha continuato il ricordo di Tenco". Poi tocca a Maria de Filippi: "Nel corso di questi giorni è diventata una sorella", dice alla conduttrice, che controlla l'emozione e arriva in abito lungo nero firmato Riccardo Tisci, impreziosito da punti luce, con le gambe in trasparenza. "Maria, non hai fatto le scale", sorride Conti. "Forse le farò l'ultima sera, ma penso che il festival di Sanremo rimarrà anche senza le mie scale", risponde lei, regalando una rosa bianca a Carlo. Poi ringrazia la Rai, "il mio editore" Mediaset e poi gioca la carta dell'ironia: "Abbiamo avuto una settimana di maltempo, ma è andata bene, sennò rischiavamo di abbronzarci, ma soprattutto rischiavi che Trump ti potesse togliere il permesso di soggiorno".

E' Giusy Ferreri con Fa talmente male, presentata da Maria De Filippi, a dare il via alla gara del 67/o festival di Sanremo. Emozionata, in completo gilet e pantaloni rossi e nero fantasia, la cantante è stata la prima a salire sul palco dell'Ariston.

Seduta sui gradini, "questo è il mio posto naturale", pur con il timore di sembrare nuda ("Non vorrei rovinare una carriera"), Maria De Filippi dà lezioni di seduzione a Carlo Conti con la complicità di Raoul Bova, primo ospite di questo festival. Tra 'six pack', la tartaruga addominale, e lo sguardo intenso, la conduttrice scherza con Conti e poi chiede a Bova di fare uno sguardo "intenso, un po' miope e addormentato". E' evidente che la conduttrice ha scelto la cifra dell'ironia per fare da contraltare alla ritualità istituzionale del festival. Tocca poi a Bova presentare Elodie, prima tra gli ex concorrenti di Amici, forse togliendo anche dal possibile imbarazzo la De Filippi.

Poi standing ovation all'Ariston per gli "eroi del quotidiano", rappresentanti di Guardia di finanza, Croce Rossa, soccorso alpino, esercito, protezione civile, vigili del fuoco anche con unità cinofile. Tra loro gli 'angeli' di Rigopiano, i soccorritori dell'emergenza neve e del terremoto nel centro Italia. La tragedia di Rigopiano, l'emergenza neve, le emergenze di questi mesi irrompono al festival di Sanremo grazie alle testimonianze degli 'eroi di tutti i giorni' impegnati in queste settimane. C'è anche Corto, un magnifico esemplare di labrador che accompagna i volontari del soccorso alpino. "Di eroi ce ne sono tanti - dice Maria De Filippi introducendoli - basta saperli vedere, guardare. Gli eroi sono quelli che non mollano, non si piangono addosso, fanno il loro dovere, vanno a casa senza popolarità né soldi. La cosa importante è non dimenticarli".

"Non vi chiederei mai di fare una telefonata, se io per primo non avessi fatto qualcosa per loro". Carlo Conti, lanciando il numero solidale 45500, invita così il pubblico a sostenere la raccolta fondi Ricominciamo dalle Scuole, per le zone colpite dal terremoto, ricordando di aver contribuito anche lui. Un impegno che aveva già reso noto nei giorni scorsi, dopo le polemiche sul suo cachet.

Da Raggi a Salvini, Crozza a Sanremo: ironia 'a distanza' su Renzi, Gentiloni e festival larghe intese.

"Il 7 febbraio 1987, proprio durante il festival - conduceva Pippo Baudo - è morto Claudio Villa. E' giusto ricordare questa grande voce della musica italiana". Carlo Conti ha ricordato sul palco dell'Ariston il reuccio a 30 anni dalla scomparsa. 

Da Albanese-Cortellesi omaggio a coppie festival - Con i 'nomi d'arte' Nicola e Valeria, Antonio Albanese e Paola Cortellesi hanno fatto il loro ingresso sul palco del festival di Sanremo con uno sketch musicale preparato ad hoc. Con la canzone inedita 'Un mondo di pavole' hanno fatto, alla loro maniera, un omaggio all'amore e alla storia di Sanremo con citazioni dei successi delle coppie del festival, da Vattene amore interpretata da Mietta e Minghi a Fiumi di parole dei Jalisse fino a Ti lascerò, portata al successo da Anna Oxa e Fausto Leali. Albanese e Cortellesi, insieme sul set del film 'Mamma o papà?', in uscita il 14 febbraio con la regia di Riccardo Milani, hanno ironizzato sulla singolare famiglia al centro del film. Ha chiuso l'intervento un'interpretazione di un grande classico, Ancora, in cui Paola Cortellesi ha potuto esibire le sue grandi qualità canore.

Maria De Filippi ha raccontato la storia di una ragazza vittima di bullismo che ha tentato di togliersi la vita: è l'occasione per sostenere la campagna MaBasta contro il bullismo nelle scuole.

Tutto l'Ariston in piedi balla con Ricky Martin. Primo ospite internazionale di Sanremo, veterano del festival visto che è alla settima partecipazione (il debutto nel 1985), la star portoricana si scatena in un medley di suoi successi come Livin' la vida loca, Shake your bon bon, Vente pa ca, La morbidita, La bomba. E non potevano mancare Maria e Cup of life.

Carlo e Maria, ed è subito complicità: la coppia funziona, tranquilizzanti e senza antagonismi.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in