Ex capo Cia, danno a sicurezza

Tenet, documento 'di parte, impreciso e distruttivo'

Il rapporto della Commissione intelligence del Senato Usa sulle tecniche di interrogatori 'rafforzati' condotti dalla Cia "danneggia la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, gli uomini e le donne della Central Intelligence Agency e soprattutto la verità", ha affermato in un comunicato George Tenet, che e' stato direttore della Cia per gran parte del mandato presidenziale di George W. Bush. Si tratta di un rapporto "di parte, impreciso e distruttivo" afferma ancora Tenet, indicando inoltre che "il programma di interrogatori attuato dalla Cia dopo l'11 settembre era diretto dal presidente, con la supervisione del Consiglio per la sicurezza nazionale e con l'autorizzazione legale del ministro e della giustizia e del Dipartimento della giustizia". 

"Continuerò' ad usare la mia autorita' di presidente per assicurare che non faremo mai piu' ricorso a questi metodi": ha detto ieri il presidente Barack Obama. Le tecniche utilizzate dalla Cia "hanno danneggiato significativamente l'immagine dell'America e la sua posizione nel mondo e hanno reso piu' difficile perseguire i nostri interessi con alleati e partner", ha sottolineato Obama.

Ue, bene stop deciso da presidente Obama - La Commissione Europea "saluta con favore la decisine del presidente Obama di mettere fine" ai sistemi di tortura utilizzati dalla Cia tra il 2001 ed il 2009 denunciati dal rapporto del Senato Usa. Lo riferisce Catherine Ray, portavoce dell'alto rappresentante per la politica estera Federica Mogherini, sottolineando che "la Ue condanna l'uso della tortura in ogni situazione, compresa la lotta al terrorismo".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA