Rogo in Brasile, morti 10 giocatori del Flamengo

Avevano tra i 14 e 17 anni. Fiamme divampate negli alloggi.

Tragedia nel centro sportivo Urubu's Nest del Flamengo, nella zona ovest di Rio de Janeiro. Un incendio ha distrutto gli alloggi dei giovani calciatori del club carioca. Ci sono dieci morti e tre feriti gravi.  L'incendio è stato domato alle 7.20 ora locale. Le vittime dell'incendio sono giovani reclute del club fra i 14 e i 17 anni, ha detto Douglas Henaut, portavoce dei pompieri locali. 

Potrebbe essere partito da un impianto dell'aria condizionata l'incendio divampato nel centro di allenamento del Flamengo a Rio de Janeiro: lo hanno riferito ai media alcune autorità locali, tra cui il vice governatore di Rio, Caio Castro. "Difficile dirlo, ma in linea di massima sarebbe stato un apparecchio dell'aria condizionata", ha detto Castro, secondo il quale "individuare le cause per cui l'apparecchio ha preso fuoco è la domanda alle quale si dovrà rispondere adesso".

Tutte le vittime dell'incendio  "sono morte carbonizzate"  ha anche affermato Henaut. "Siamo riusciti a lavorare e a prestare soccorso ai feriti all'esterno, perché il locale era avvolto dalle fiamme. Quando siamo entrati abbiamo trovato i corpi ormai già carbonizzati", ha detto Henaut.

Le madri di alcuni atleti che si allenano all'Urubu's Nest di Rio de Janeiro hanno riferito che l'allenamento di questo venerdì era stato cancellato, fatto che ha permesso ai giovani calciatori che vivono a Rio di tornare alle loro case per dormire. In questo modo, solo gli atleti venuti da fuori sono rimasti nella struttura durante la notte. "Se oggi ci fosse stato un allenamento, la tragedia sarebbe stata molto più grande", ha detto una madre.

Il vicepresidente brasiliano Hamilton Mourao ha espresso il proprio "profondo" dolore per la tragedia. "Come tifoso e sportivo, sono solidale con le famiglie, il club e il popolo rosso-nero (i colori del Flamengo)", ha scritto su Twitter.

La leggenda del calcio Pelé ha espresso il proprio dolore per la tragedia dell'incendio nel centro di allenamento del Flamengo a Rio de Janeiro, che ha provocato 10 morti e tre feriti, sottolineato che oggi è "un giorno triste" per il calcio in Brasile. "La mia giornata è iniziata con la notizia dell'incendio del centro di allenamento del Flamengo. Un luogo dove i giovani inseguono i loro sogni. È un giorno molto triste per il calcio brasiliano", ha scritto Pelé su Twitter.

Il governo dello Stato di Rio de Janeiro decreterà un lutto di tre giorni per onorare le vittime dell'incendio. "Voglio esprimere il mio più profondo dolore per questa tragedia e offrire solidarietà alle famiglie delle vittime", ha dichiarato il governatore dello Stato di Rio, Wilson Witzel, citato dall'agenzia di stampa Agencia Brasil. Witzel ha ordinato che venga realizzata un'indagine approfondita sulle cause dell'incendio e, dopo aver contattato la direzione del club, ha chiesto al vice governatore di Rio, Cláudio Castro, di recarsi sul luogo della tragedia per seguire il lavoro delle squadre governative. Il segretario per lo Sport, Felipe Bornier, è stato uno dei primi rappresentanti del governo statale di Rio ad arrivare sul posto. "Oggi è un momento molto triste, non solo per il Flamengo, ma per l'intera città di Rio de Janeiro", ha affermato il segretario.

Il Milan dedica un pensiero alle vittime dell'incendio scoppiato nel centro sportivo Ninho do Urubu del Flamengo e si stringe alle loro famiglie. Una tragedia che ha colpito in particolare Lucas Paquetà, approdato in rossonero poco più di un mese fa proprio dal club di Rio de Janeiro. "La tristezza che questa notizia porta è immensa, ho trascorso 12 anni della mia vita in questo ambiente - ha scritto su Instagram il ventunenne calciatore brasiliano -. Il desiderio di diventare un ragazzo del Ninho, sogni e traguardi interrotti da una tragedia a cui non si può credere! Auguro molta forza alle famiglia e agli amici, possa Dio confortare il cuore di tutti loro! Preghiamo".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA