Merkel a Erdogan, basta paragoni con metodi nazisti

Formulati dai dirigenti turchi. 'Cessino senza se e senza ma'

Sale ancora la tensione tra Turchia e Germania.

I paragoni con i metodi nazisti formulati dai dirigenti turchi quando parlano di decisioni prese dal governo tedesco devono cessare "senza se e senza ma": lo ha detto ad Amburgo la cancelliera tedesca Angela Merkel, ipotizzando di proibire l'ingresso ai politici turchi. Il governo "si riserva il diritto di riesaminare le autorizzazioni", ha detto la cancelliera in una conferenza stampa con il premier giapponese Shinzo Abe.

   Ieri il presidente, in un intervento a Istanbul, aveva accusato ancora una volta la cancelliera Merkel di sostenere i terroristi, riferendosi al caso del giornalista turco-tedesco della Die Welt, Deniz Yucel, in carcere in Turchia. "Grazie a Dio è stato arrestato e tu ci stai chiedendo indietro un agente terrorista", aveva detto Erdogan, sottolineando che sarà processato da un sistema giudiziario "indipendente".

Erdogan "ha passato il segno" accusando Angela Merkel di pratiche "naziste", aveva replicato il ministro degli esteri tedesco Sigmar Gabriel in un'intervista sul quotidiano Passauer Neue Presse e di cui diversi siti tedeschi hanno pubblicato anticipazioni. "Siamo tolleranti, ma non siamo degli imbecilli" aveva detto Gabriel aggiungendo:"Ho fatto sapere molto chiaramente al mio omologo turco che con quelle dichiarazioni è stato oltrepassato un limite" viste le dichiarazioni "scioccanti" di Erdogan.

E sempre ieri Ankara ha convocato l'ambasciatore tedesco in Turchia in merito alla manifestazione di 30mila curdi ieri a Francoforte, per dire no al referendum costituzionale, in cui sono state sventolate bandiere del Pkk. "La Germania ha messo il suo nome in nuovo scandalo", ha detto il portavoce presidenziale Ibrahim Kalin, ricordando che il Pkk è un "gruppo terrorista separatista".

Nella giornata di domenica si è anche aperto un nuovo fronte di tensione tra la Turchia e l'Europa. Il ministro degli Esteri danese Anders Samuelsen ha infatti reso noto di aver convocato l'ambasciatore turco per chiedere spiegazioni su presunte minacce nei confronti di alcuni cittadini con doppia cittadinanza. Il quotidiano danese Berlingske ha raccolto le testimonianze di alcuni cittadini turco-danesi che sarebbero stati minacciati di una denuncia per "alto tradimento" e di colpire le loro famiglie in Turchia, a causa di commenti anti-Erdogan sui social media.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA