Banche venete,Bankitalia, lo Stato non ci perde forse ci guadagna

Mobilitate risorse fino a 17 miliardi, è di circa 5 miliardi l'esborso per lo Stato

Governo e Banca d'Italia si dicono sicuri che lo Stato recupererà gli aiuti da 5 miliardi erogati per la liquidazione delle banche venete

PADOAN FIDUCIOSO SU RECUPERO "Siamo abbastanza fiduciosi di poter recuperare i cinque miliardi di euro" di esborso immediato per il salvataggio delle banche venete: lo ha detto il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan a Bloomberg tv, negando che la cifra complessiva sia di quasi miliardi di euro: "l'esborso sarà di circa cinque miliardi, poi ci saranno garanzie" che faranno raggiungere i 17 miliardi complessivi, ma "gli iniziali cinque miliardi saranno recuperati dallo Stato a tempo debito"

BANKITALIA, STATO PUO' GUADAGNARCI "E' sbagliato dire che lo Stato ci perde. Forse ci guadagna, e se ci perde è in maniera ridotta e quindi capace di sopportarlo". Lo afferma il vice dg della Banca d'Italia Fabio Panetta in merito all'operazione sulle banche venete. "I 4,8 miliardi di esborso di cassa torneranno indietro con la vendita degli attivi. Lo Stato non ci perde, anticipa una somma e aspetta il rientro". I 17 miliardi circolat come costo per lo Stato "è una cifra che non esiste" e comprende garanzie che non saranno attivate.

CESSIONE DEGLI ATTIVI La cessione degli oltre 11,7 miliardi di attivo della liquidazione delle due banche venete servirà "a ripagare i 4,8 miliardi di esborso di cassa dello Stato" e a restituire il finanziamento di Intesa, garantito dallo Stato, alla gestione commissariale. E' quanto sono convinti i vertici della Banca d'Italia secondo cui l'attivo "è composto di crediti deteriorati che sono stati fortemente già svalutati anche grazie ad Atlante (il nominale è di 18 miliardi di euro) e non sono peraltro tutte sofferenze". Per il capo della vigilanza Carmelo Barbagallo "grazie alla gestione paziente della Sga si potranno recuperare le risorse evitando che siano ceduti tali crediti a pochi operatori in regime di oligopolio al valore di 20 quello che ha un valore doppio. Si tratta di un modo particolare di avviare l'Asset management company italiana (più volte chiesta da Bankitalia negli scorsi anni ndr). Le nostre analisi dicono che in media il valore recuperato è il 40%, certo con una gestione paziente". Inoltre ci sono "azioni e partecipazioni facilmente liquidabili (come Arca) con un valore di 2 miliardi".

Intesa  San Paolo vola in Borsa, dopo l'operazione del week end di acquisizione di alcune attività di Popolare Vicenza e Veneto Banca.

Il contratto di cessione a Intesa San Paolo di alcune attività di Popolare Vicenza e Veneto Banca "include una clausola risolutiva, che prevede l'inefficacia del contratto e la retrocessione alle banche in liquidazione coatta amministrativa del perimetro oggetto di acquisizione, in particolare nel caso in cui il Decreto Legge non fosse convertito in legge, ovvero fosse convertito con modifiche e/o integrazioni tali da rendere più onerosa per Intesa Sanpaolo l'operazione, e non fosse pienamente in vigore entro i termini di legge": E' quanto si legge in un comunicato di Intesa SanPaolo in merito al via libera del consiglio dei ministri al decreto per il salvataggio delle banche venete.

Dallo Stato arrivano 5,2 miliardi subito per salvare gli istituti e garantire l'apertura degli sportelli. Scongiurato, dunque, il caos che si sarebbe creato, come ha detto il presidente del consiglio, Paolo Gentiloni, con un "fallimento disordinato".

I commissari nominati dalla Banca d'Italia sono:  per entrambi gli istituti di credito  l'ex amministratore delegato di Popolare Vicenza, Fabrizio Viola. Per Popolare Vincenza i commissari sono: Claudio Ferrario, Giustino Di Cecco e Fabrizio Viola. Per Veneto Banca sono: Alessandro Leproux, Giuliana Scognamiglio .

Il  decreto legge, approvato in una riunione lampo del consiglio dei ministri, crea la cornice normativa per la 'liquidazione ordinata' (liquidazione coatta amministrativa) di Veneto Banca e Popolare Vicenza, con il conseguente passaggio della parte sana delle due venete a Intesa Sanpaolo. 

"L'intervento di Intesa Sanpaolo permette di evitare i gravi riflessi sociali che sarebbero altrimenti derivati dalla procedura di liquidazione coatta amministrativa delle due banche, salvaguardando l'occupazione, i risparmi di 2 milioni di famiglie e l'attività di circa 200 mila imprese finanziate", si legge in un comunicato di Intesa SanPaolo dopo la firma del contratto di acquisto, al prezzo simbolico di un euro, di "certe attività e passività e certi rapporti giuridici" di Pop.Vicenza eVeneto banca.

L'intervento sulle due Banche Venete "assicura la tutela di tutti i risparmiatori e dei creditori senior e che sono previste inoltre misure di ristoro per titolari di strumenti finanziari subordinati retail. E' quanto scrive la Banca d'Italia in una nota ricordando che i clienti non subiscono alcuna conseguenza da questo passaggio: gli uffici e gli sportelli delle Banche saranno regolarmente aperti e pienamente funzionanti; tutte le operazioni bancarie potranno essere effettuate senza variazioni, ma sotto la responsabilità di Intesa Sanpaolo.

Ecco tutti i passi per la liquidazione

Il varo del decreto, ha affermato Gentiloni, in una conferenza stampa al termine del CdM, "è una decisione molto importante, molto urgente, e necessaria e io confido che questa decisione avrà in Parlamento il sostegno che merita, cioè il più ampio possibile".  La crisi delle banche venete, ha detto ancora il premier, risale a prima della crisi economica e "ha raggiunto livelli che hanno reso necessario un intervento di salvataggio". 

La conferenza stampa a Palazzo Chigi

 

 Il governo con il decreto "mobilizza risorse fino a 17 miliardi", ha detto il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan, spiegando che le risorse aggiuntive servono "per la copertura del rischio di una retrocessione di crediti che non risultino in bonis al termine della due diligence, per un ammontare massimo 6 miliardi e 300 milioni". L'altra voce è una "garanzia fino a 4 miliardi per crediti attualmente in bonis ma ad alto rischio". Il ministro ha spiegato, comunque, che "l'esborso effettivo dello Stato" per le banche venete "sarà di circa 5 miliardi: cifre che non impattano sull'indebitamento"

Padoan ha tenuto a precisare che il salvataggio avviene nel pieno rispetto delle regole Ue, "sfruttando nel migliore modo possibile tutti i margini" consentiti al loro interno. Respinte le critiche che vogliono il governo "troppo debole con le istituzioni europee perché ne ha subito le regole o troppo indisciplinato perché non le ha seguite. Il governo ha utilizzato le regole rispettandole appieno". 

Arriva il via libera di Bruxelles al salvataggio.  "La Commissione Ue - afferma un comuncato - ha approvato le misure italiane per facilitare la liquidazione di BPVI e Veneto Banca in base alle norme sull'insolvenza. Queste comprendono la vendita di alcune attività che saranno integrate ad Intesa Sanpaolo. I depositi restano pienamente protetti. I detentori di debito senior non dovranno contribuire al burden sharing". 

Scongiurato il caos, Lunedì sportelli aperti - Gia nella notte tra sabato e domenica sarebbe stato raggiunto l'accordo con il gruppo guidato da Carlo Messina, che ha poi avuto dal Consiglio di Amministrazione il mandato a concludere l'operazione.

E' stata una corsa contro il tempo quella per salvare le banche venete e garantire che lunedì mattina gli sportelli riaprano regolarmente, dopo che la Bce le ha dichiarate 'fallite'. Il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan è stato per tutto il pomeriggio di sabato con il suo staff a Palazzo Chigi, un lavoro febbrile per definire tutti i dettagli 'in punta di diritto', in modo da 'blindare' l'operazione. Ed è così slittato di un giorno il Consiglio dei ministri che ha varato decreto con la 'cornice' di regole. Il gruppo guidato da Carlo Messina potrà ora acquistare al prezzo simbolico di 1 euro le attività di Veneto Banca e Popolare Vicenza dopo la separazione delle 'attività malate' dei due istituti, garantendo allo stesso tempo gli obbligazionisti senior e i depositanti.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video Economia



Vai al sito: Who's Who