Lazio-Eintracht, scontri tra tifosi tedeschi e polizia, 5 fermati

Sono novemila i supporter a Roma. Hanno sfilato per le vie del centro, lanciato petardi e bombe carta anche tra i passanti

Scontri tra tifosi tedeschi e forze dell'Ordine. A due ore circa dal fischio d'inizio di Lazio-Eintracht Francoforte, sono diverse le zone di Roma sotto assedio dei novemila supporter tedeschi giunti nella Capitale. In zona piazzale Flaminio, dove fin dalla mattinata hanno iniziato a riunirsi i sostenitori dell'Eintracht, ci sono stati momenti di tensione con lancio di bombe carta e panico tra i passanti, a cui hanno fatto seguito cariche della Polizia che si è trovata costretta a delimitare la piazza, piena anche di bottiglie in vetro a terra nonostante il divieto di vendita scattato già da ieri sera. Momenti di tensione anche in zona stadio Olimpico, dove alcuni ultrà dell'Eintracht (tra i quali la questura sospetta si siano mescolati anche diversi ultrà dell'Atalanta, gemellati con i tedeschi) sono entrati in contatto con le forze dell'ordine e con un gruppo di tifosi laziali. Diversi i fermati tedeschi.

Cinque tifosi tedeschi sono stati fermati. Un supporter sarebbe rimasto lievemente ferito a seguito delle tensioni con le forze dell'ordine nate dopo che un gruppo di circa 2-300 tifosi dell'Eintracht aveva tentato di andare verso ponte Duca d'Aosta. Il gruppo di tifosi, che si era staccato dal punto di raccolta a Villa Borghese per dirigersi verso lo stadio, era scortato dalle forze dell'ordine che per impedire che entrassero in contratto con i laziali ha fatto una carica di alleggerimento. Dopo essersi staccati dal punto di raccolta i circa 300 tifosi hanno sfilato per le vie del centro vestiti di nero, in silenzio. Hanno lanciato petardi e poi hanno bivaccato a Piazza del Popolo dove hanno lasciato un manto di rifiuti e residui di bottiglie.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA