Quando la Curva Carpi disse a Lotito, tuo pallone fa 'Skyfo' TUTTI I VIDEO

Bjelica sul rigore: 'Ora pericoloso fischiare contro certi nomi'. Patron della Lazio attacca: 'Manovra subdola, mi tutelerò'

13 febbraio - C'era una particolare attenzione su Carpi-Spezia, non tanto per l'importanza di una gara tra due grandi protagoniste del campionato di serie B, quanto per le immediate conseguenze, a livello soprattutto ambientale, dopo le dichiarazioni di Lotito che hanno colpito direttamente lo stesso Carpi. E infatti le contestazioni ci sono state, passando sopra una partita terminata con un nulla di fatto. E Lo Spezia che reclama un rigore negato collega la decisione arbitrale, per bocca di Bjelica, espulso, alle dichiarazioni del patron Laziale: "Ora fischiare contro certe squadre si fa pericoloso", dice a fine gara. Conclusa con un 0-0 moscio. Un risultato che fa più comodo allo Spezia reduce da due sconfitte di seguito. Il Carpi, al secondo pareggio consecutivo, ha avuto la grande occasione per segnare il gol della possibile vittoria, ma il rigore calciato da Inglese a 5' minuti dalla fine è stato intercettato dal portiere dei liguri. Un rigore, quello concesso al Carpi, che è sembrato generoso e che ha fatto infuriare quelli dello Spezia: espulso l'allenatore Bjelica. Ma prima della partita non si è fatta attendere la risposta dei tifosi di casa che hanno lanciati cori ed esposto alcuni striscioni sugli spalti del 'Cabassi'.

Il primo con la scritta: "MeritiAmo rispetto". Un altro diretto al presidente della Lazio e non solo: "Lotito il tuo calcio fa Skyfo", mentre gli spezzini inneggiavano allo stesso Lotito. In mattinata aveva parlato ai microfoni Sky il ds Cristiano Giuntoli in merito appunto alle dichiarazioni di Lotito. "Siamo una piccola realtà che costa 3 milioni di euro all'anno. Siamo piccoli ma crediamo nel nostro progetto e speriamo di poter coronare questo sogno della serie A. Siamo molto amareggiati e delusi per quanto emerge dalle parole di Lotito. Tra l'altro questa è una zona che già stata ampiamente colpita dal terremoto e merita ancora più rispetto". Ed ecco il commento di Bjelica, a questo 'rispetto': "Il rigore? Non voglio commentare l'episodio, evidentemente le regole in Italia non sono le stesse dei campionati nei quali ho allenato fino a poco tempo fa, dopo 33 anni di calcio tante cose le sto scoprendo solo ora, perché altrimenti non mi spiego certe decisioni; dopo le dichiarazioni di Lotito fischiare contro le squadre che sono state nominate può essere molto pericoloso. Purtroppo ritengo che tale discorso alla fine si ritorcerà contro le altre 19 squadre che non sono state chiamate in causa, e quasi avrei preferito che fosse tirato in ballo anche il nome dello Spezia", ha detto per altro sorridendo. Tornando al calcio giocato, il Carpi rimane solo in vetta a quota 51 con 6 punti di vantaggio sulla seconda il Bologna, 8 sulle terza, il Livorno, che in due giornate a rosicchiato quatto punti al Carpi.

Claudio Lotito passa al contrattacco: Il fuoco di fila di attacchi subito dopo la diffusione della sua telefonata con il dg dell'Ischia non ha fiaccato Claudio Lotito, che si sente vittima di una "manovra subdola" ed è deciso a reagire mettendo in campo anche gli avvocati. Letti i giornali, un coro di condanna, assorbite le dichiarazioni anche di peso contro di lui, il consigliere federale di buon mattino ha annunciato di "aver dato mandato ai legali di tutelare in sede penale e civile la mia persona e la mia posizione istituzionale". Pino Iodice però non sembra spaventato dalle conseguenze, anzi, e afferma che "se Lotito non viene sanzionato per quello che sta emergendo è la prova che nel calcio esiste una cupola mafiosa che va sconfitta", Di più, il dirigente campano dichiara di avere tre registrazioni di telefonate e che almeno una decina di presidenti di Lega Pro sarebbero pronti a testimoniare di aver subito minacce da Lotito in vista dell'assemblea di lunedi' di Lega Pro. In attesa degli sviluppi giudiziari, il giorno dopo la bufera non sono mancati altri attacchi al patron della Lazio, come quello di Massimiliano Allegri, che si è detto "scosso e stranito" dalle sue parole, ma nemmeno le prese di posizione a suo favore, sia da società di LegaPro, sia da colleghi come Massimo Zamparini e Vittorio Pozzo. "In Italia sono spariti i valori, e così uno qualunque registra una telefonata privata e la dà in pasto a tutti", ha detto il presidente del Palermo. "Sembra che sia uno scandalo incredibile - ha detto Pozzo -, lo scandalo è invece registrare una chiamata e renderla pubblica ". E' la linea di molti dei sostenitori del consigliere federale, che non ha intenzione di fare passi indietro. "Intendo reagire ad una manovra subdola - afferma Lotito - ed accertare la responsabilita' del sig.Iodice e di tutti coloro che hanno utilizzato, o diffuso, un colloquio abusivamente registrato".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA