Debutta la nuova rubrica di ANSA.it. Si parte con la 'paura'

Redazione ANSA

Da oggi debutta su ANSA.IT una nuova rubrica:"LA PAROLA". Quando un termine occupa le prime pagine dei giornali (come in questi giorni i minibot), oppure lo troviamo particolarmente ostico o semplicemente ci piace rifletterci un po' sopra, ci si soffermeremo.

Oggi cominciamo con la paura, parola che nelle ultime settimane è stata molto usata anche nel dibattito politico, ma che è stata al centro di una nuova scoperta scientifica, alla quale ha partecipato anche l'Italia. 

    =================================================================================================================

 

(Di Enrica Battifoglia)

Essere dominati da una paura incontrollabile: finora si riteneva impossibile che le cose potessero andare in modo diverso, ma una ricerca ha appena dimostrato che nel cervello c’è un interruttore molecolare che permette di controllarla.

   La scoperta, nella quale l'Italia ha avuto un ruolo di primo piano, ha portato anche a individuare una nuova fabbrica dei ricordi in una delle strutture ‘primitive’ del cervello che si sono conservate nel corso dell’evoluzione, come l’ipotalamo, mentre finora si credeva che la sede della memoria fossero strutture più evolute, come l'ippocampo.

   I risultati gettano così una nuova luce sui meccanismi che controllano i brutti ricordi, quelli legati alla paura, e potrebbero offrire nuovi strumenti per trattare disordini psichiatrici come l'ansia e il disturbo da stress post-traumatico. Esperimenti condotti nei ratti hanno dimostrato che a scatenare le paure sono le stesse cellule nervose dell’ipotalamo che producono il cosiddetto ‘ormone dell’amore’, l’ossitocina. Inseguire queste cellule nervose e osservarne il comportamento ha permesso di vedere che comunicano con la struttura del cervello a forma di mandorla chiamata amigdala, cruciale nell'espressione della paura.

Lo stress di cani e uomini è 'sincronizzato'

   Gli esperimenti hanno dimostrato che quando le cellule dell’ipotalamo erano stimolate dalla luce attivavano i neuroni l'amigdala, mentre sotto l'azione di sostanze sintetiche li reprimevano.

   La conferma è arrivata quando altri esperimenti, sempre sui ratti, hanno dimostrato che gli animali immobilizzati dalla paura hanno ripreso a muoversi normalmente quando sono stati stimolati i neuroni dell'ipotalamo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA