Esplosione a New York, la dinamica

Nel quartiere di Chelsea. Nelle vicinanze trovato un altro possibile ordigno. Sindaco: nessun legame col terrorismo

Un ordigno nascosto in un cassonetto è esploso ieri sera a Manhattan, tra la 23ma strada e la 7ma avenue nel quartiere di Chelsea, causando almeno 29 feriti di cui uno in gravi condizioni.

TORNA LA PAURA A NEW YORK - LEGGI -

E nelle vicinanze la polizia ha trovato un altro ordigno esplosivo, realizzato con una pentola a pressione che è stato rimosso dalla polizia.

Sul luogo dell'esplosione sono accorsi polizia, vigili del fuoco, Fbi e antiterrorismo. La zona è stata cordonata e isolata; chiuse alcune linee della metro.

LE PRIME IMMAGINI DEL LUOGO DELL'ESPLOSIONE - GUARDA -

Secondo la polizia di New York si tratterebbe di un attacco intenzionale e non di una esplosione accidentale, ma secondo il sindaco De Blasio non ci sarebbero al momento legami con il terrorismo. Nessuna connessione nemmeno con l'esplosione avvenuta sempre ieri nel New Jersey.

La deflagrazione e' avvenuta mentre Barack Obama e Hillary Clinton parlavamo a un gala di raccolta fondi della Black caucus foundation a Washington.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie