Caso Brittany Maynard: Vaticano, questa non è morte con dignità

Mons.Carrasco, non giudichiamo persone ma no suicidio assistito

È morta Brittany Maynard, la ragazza americana di 29 anni colpita da un cancro in fase terminale, che qualche settimana fa aveva annunciato in un video di voler mettere fine alla sua vita, provocando un vivo dibattito sull'eutanasia negli Stati Uniti. "Sono le persone che si fermano ad apprezzare la vita e che rendono grazie, quelle più felici. Se noi cambiamo le nostre menti, cambiamo il nostro mondo. Pace e amore a voi tutti". Questo l'ultimo messaggio di Brittany. La ragazza "esprime profondo ringraziamento a tutti i suoi belli, intelligenti, meravigliosi, generosi amici, che lei ha ricercato come l'acqua durante la sua vita e la sua malattia per l'intuizione, il sostegno e l'esperienza condivisa di una bella vita".

Il suicidio assistito è "un'assurdità" perché "la dignità è un'altra cosa che mettere fine alla propria vita". Lo afferma all'ANSA, il presidente della pontificia accademia per la Vita, mons. Carrasco de Paula, commentando il caso di Brittany. "Non giudichiamo le persone - ha aggiunto - ma il gesto in sé è da condannare".

CHI ERA BRITTANY

Colpita da una forma molto aggressiva di cancro al cervello, Brittany aveva annunciato il suo progetto in un video postato sul suo sito (thebrittanyfund.org) che ha fatto il giro del web: lunedì scorso era stato visto più di 9,5 milioni di volte su Youtube. ''Arrivederci a tutti i miei cari amici e alla mia famiglia che amo. Oggi e' il giorno che ho scelto per morire con dignita', tenuto conto della malattia in fase terminale, questo terribile cancro al cervello che mi ha imprigionato...ma mi avrebbe imprigionato tanto di piu''' ha scritto la ragazza in un messaggio largamente diffuso sui social network.

Il video in cui Brittany spiega la sua scelta

 

Sean Crowley, un portavoce dell'associazione Compassione e Scelta, che lotta per il diritto all'eutanasia, ha dichiarato che Brittany è morta verosimilmente nella sua casa sabato. ''Brittany e' morta, ma il suo amore per la vita e la natura, la sua passione e il suo spirito continuano a vivere'' ha aggiunto Barbara Lee Coombs, presidente dell'organizzazione che ha sostenuto Brittany.

La vacanza sul Grand Canyon prima della morte

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA