Ebola, nuovo caso in Texas

Aiuto infermiere entrato in contatto con paziente zero

Secondo caso di contagio di Ebola in Texas, dove è risultato colpito dal virus un aiuto-infermiere che era entrato in contatto con il "paziente zero" morto la settimana scorsa. Lo rendono noto fonti ufficiali.

IN GERMANIA un'altra vittima di Ebola. Un dipendente africano dell'Onu, portato a Lipsia dalla Liberia e contagiato da Ebola, è morto nella notte tra lunedi' e martedi', segnando il primo decesso nel Paese: come riferisce l'agenzia tedesca Dpa citando fonti sanitarie ufficiali. L'uomo, di 56 anni, è morto in un ospedale della città dell'est della Germania, precisa l'ospedale citato dalla Dpa. Si tratta del terzo contagiato dall'Ebola ricoverato in Germania (un secondo viene curato a Francoforte sul Meno mentre un terzo era stato dimesso da un ospedale di Amburgo dopo cinque settimane di cure). La vittima, un sudanese, era stato trasportato al "Klinikum St. Georg" di Lipsia con un volo speciale giovedì scorso e le sue condizioni erano state subito definite "altamente critiche sebbene stabili". L'uomo era stato posto in una struttura di isolamento speciale del Reparto malattie infettive e tropicali. Secondo l'ospedale, precisa l'agenzia tedesca, non sussistono pericoli di infezione per altri pazienti o visitatori.

Si riunisce Consiglio di Sicurezza dell'Onu  
Il Consiglio di Sicurezza dell'Onu si riunira' per discutere dell'emergenza Ebola alle 15 ora di New York, le 21 in Italia.

Oms, quasi 9mila casi e 4.500 morti
 Si aggrava il bilancio dell'epidemia di Ebola: il totale dei casi è salito a 8.914 e raggiungerà i 9mila entro la settimana.I decessi sono saliti a 4.447. Lo ha detto oggi a Ginevra Bruce Aylward, vice direttore generale dell' Organizzazione mondiale della sanità (Oms) responsabile della risposta operativa alla crisi di Ebola.

Caso Bruxelles, paziente non ha più la febbre
Il paziente messo in isolamento all'ospedale specializzato di Bruxelles Saint Pierre non ha più la febbre, che è scesa da sola. Potrebbe quindi non trattarsi di Ebola. I risultati dei test sono attesi entro fine giornata. L'uomo era stato ricoverato dapprima nella zona di Tournai, al confine con la Francia, dove i sanitari hanno fatto arrivare un'ambulanza militare specializzata per il trasporto a Bruxelles. La zona della Guinea dove l'uomo ha soggiornato per visitare la famiglia non è tra quelle colpite da Ebola.




Usa,sopravvissuto dona sangue a infermiera contagiata
 L'infermiera americana Nina Pham, 26 anni, rimasta contagiata dal virus dell'Ebola dopo essersi presa cura del paziente liberiano Eric Duncan poi morto, ha ricevuto una trasfusione di sangue dal Kent Brantly, il primo americano ad essere contagiato e sopravvissuto. Il medico, guarito grazie ad una cura sperimentale, ha donato il sangue a tre pazienti, inclusa l'infermiera. La giovane e' in cura nel Texas Health Presbyterian Hospital di Dallas ed e' entrata in contatto con Duncan insieme ad almeno altre 70 persone.


Rischi contagio via sesso pure dopo guarigione
Virus Ebola ''vitale è stato isolato nello sperma umano fino a 7 settimane dopo la guarigione''. E' quanto afferma il Centro europeo per il controllo delle malattie (Ecdc) nel report su Ebola datato 6 ottobre. Serbatoi di virus Ebola, si legge nel report, ''sono stati individuati nel latte materno e sperma dopo la scomparsa del virus dal sangue.

"Abbiamo identificato una persona a rischio per il contatto avuto con la infermiera contagiata al Presbyterian Health Hospital di Dallas": lo ha detto il direttore dei Cdc, Tom Frieden. Se il contagio "fosse avvenuto in isolamento - ha aggiunto - c'e' il pericolo di altri contagi". Primo contagio in Usa, è infermiera paziente zero - Nuova impennata della paura Ebola negli Stati Uniti dove si registra il primo contagio. Le autorita' sanitarie del Texas hanno individuato un nuovo caso: si tratta di un infermiera dell' Health Presbyterian Hospital di Dallas che ha curato Thomas Eric Duncan, il 'paziente zero' morto la settimana scorsa, ma che in ogni contatto con lui ha sempre indossato l'abbigliamento protettivo, guanti, tuta e maschera sul volto. Evidentemente c'e' stata una violazione del protocollo per la prevenzione, hanno affermato anche le autorità. Ora la nuova paziente e' in isolamento, le sue condizioni vengono definite stabili. Il virus e' stato individuato nei test preliminari a cui e' stata sottoposta e quindi le sono stati fatti esami piu' approfonditi, che hanno confermato la diagnosi. Si tratta della prima persona che ha contratto il virus negli Usa, poiche' Duncan si era ammalato in Liberia ed era arrivato in America quando ancora non aveva alcun sintomo.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA