• Alitalia, Poletti: 'Rischio non bastino risorse Cig come in passato'. Calenda: 'Dallo Stato prestito ponte di 400 milioni'

Alitalia, Poletti: 'Rischio non bastino risorse Cig come in passato'. Calenda: 'Dallo Stato prestito ponte di 400 milioni'

Poletti: 'Esclusa la nazionalizzazione del vettore'. Il 27 aprile l'assemblea dei soci per avviare le procedure di legge dopo il no al referendum

L'ennesimo capitolo della vicenda Alitalia scatena ancora una volta riflessioni e interrogativi nel mondo economico e politico. A partire del premier Gentiloni, che ha chiarito: "Sulla questione Alitalia bisogna dire la verità, l'ho già detta prima, lo dico anche adesso: non ci sono le condizioni per una nazionalizzazione di Alitalia. Tuttavia il governo si sente impegnato a difendere lavoratori, utenti, contribuenti e cittadini per non disperdere risorse e asset della compagnia. Ci lavoreremo sapendo tuttavia che l'esito del referendum rende più difficile la sfida".

"Non posso tacere la preoccupazione per quello che sta accadendo ad Alitalia", ha proseguito Gentiloni. "Bisognerebbe - ha aggiunto - essere in grado di stare sul mercato per competere. Da parte mia c'è stata delusione per il fatto che l'opportunità dell'accordo tra aziende e sindacati non sia stata colta".

Se con il commissariamento di Alitalia si deciderà per la messa in cassa integrazione di un numero più alto di lavoratori rispetto a quello previsto dal preaccordo bocciato dai lavoratori (circa 1.000) il Fondo del trasporto aereo potrebbe non avere le risorse per garantire gli ammortizzatori sociali avuti finora dai lavoratori della compagnia che dovrebbero quindi avere solo gli ammortizzatori ordinari. Lo ha detto il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti intervistato da Radio anch'io ribadendo il 'no' del governo alla nazionalizzazione.

"Il nuovo commissario deve assicurare la continuità dell'azienda e poi trovare un acquirente per Alitalia che sappia gestirla". E' quanto ha spiegato il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda, precisando che per la continuità "l'unica cosa sarà avere un prestito ponte dallo Stato, intorno ai 300, 400 milioni per assicurare sei mesi di gestione". Alla domanda su Lufthansa che sembra molto interessata a comprare Alitalia, Calenda risponde: "lo spero" e poi precisa: "sarebbe interessante da esplorare".

Per il ministro Calenda, "il management operativo (di Alitalia ndr) ha sbagliato moltissimo, anche con una certa dose di arroganza ma questo non vuol dire che ci sia la possibilità di tornare ad un management pubblico che non mi pare abbia fatto meglio nel corso degli anni". Rispondendo alla domanda sul perché i dipendenti Alitalia non si fidano di nessuno, Calenda ha aggiunto: "da un lato vengono da 20 anni di averle viste tutte, dall'altro lato l'idea che è stata fatta circolare da un pezzo di sindacato che poi alla fine paga pantalone". Ma gli arabi di Ethiad per entrare in Alitalia avevano già avuto i debiti azzerati e i licenziamenti richiesti fatti, perché non è bastato? chiede Minoli al ministro che risponde: "Ci hanno anche messo un miliardo e mezzo prima della ricapitalizzazione, non è bastato perché è stata gestita male in un mercato molto difficile, però gli errori di gestione appaiono abbastanza evidenti".

"I 5stelle dicono che non va bene quello che abbiamo fatto, secondo la loro tradizionale linea della deresponsabilizzazione, poi non spiegano quello che vorrebbero fare". Così Carlo Calenda, ministro dello sviluppo economico, intervistato a Mix24 di Giovanni Minoli su Radio 24 sulla posizione dei 5 stelle, secondo quanto riporta una nota della trasmissione. In merito alle soluzioni su Alitalia il Ministro spiega: "ci sono due estremi, quello che dice nazionalizzazione e, dall'altro lato, chi dice fatela fallire domani. Ma gli aerei a terra vuol dire centinaia di migliaia di persone che hanno comprato i biglietti e si trovano senza aerei". Io continua il ministro, "dal 20 dicembre non faccio che lavorare per tenere insieme gli azionisti da un lato, il sindacato, far fare dei piani industriali più realistici e ho pure chiesto la discontinuità del management, ce l'ho veramente messa tutta".

Il Fondo era "sufficiente per garantire l'integrazione - spiega - ma se il numero è più alto il fondo non avrà risorse per farlo e quindi ci saranno gli ammortizzatori ordinari". Finora il fondo ha garantito l'integrazione all'80% dello stipendio dei lavoratori del trasporto aereo mentre con gli ammortizzatori ordinari è previsto un tetto massimo di 1.100 euro al mese in caso di stipendi superiodi a 2.102 euro). 

La Commissione Ue è "in contatto costruttivo con l'Italia". Lo ha affermato un portavoce dell'esecutivo comunitario, sottolineando che Bruxelles "è sempre pronta a discutere con gli stati membri i loro piani in linea con le regole Ue".

DELRIO, NESSUNA PRECLUSIONE PER LUFTHANSA  "Indietro non possiamo tornare. Qualcuno si è convinto ci sarebbe stato l'ennesimo salvataggio pubblico. Lo dico chiaramente: non ci sarà". Lo dice a proposito di Alitalia il ministro dei Trasporti Graziano Delrio in un'intervista alla Stampa. E su una possibile vendita a Lufthansa non c'è "nessuna preclusione, ma le decisioni spettano agli azionisti. La palla è nelle loro mani". 

Alitalia si avvia verso il commissariamento. Il Cda  "data l'impossibilità di procedere alla ricapitalizzazione" ha "deciso di avviare le procedure previste dalla legge e ha convocato un'assemblea dei soci per il 27 aprile al fine di deliberare sulle stesse". Dopo che i lavoratori, chiamati ad esprimersi con il referendum, hanno bocciato il preaccordo per il salvataggio (6.816 i 'no' contro 3.206 'sì', vale a dire con il 67%), aprendo così la strada al commissariamento della compagnia, il consiglio di amministrazione ci tiene comunque a precisare che "il programma e l'operatività dei voli Alitalia non subiranno al momento modifiche".

Secondo quanto si apprende da fonti vicine all'azienda, l'assemblea dei soci potrebbe tenersi in seconda convocazione il 2 maggio. Intanto è slittato l'incontro fissato per mercoled' 26 al Ministero dello Sviluppo Economico per fare il punto dopo l'esito del referendum. Secondo quanto si apprende da fonti del ministero, è stato rinviato a dopo le riunioni degli organi deliberanti di Alitalia. 

 In una nota James Hogan, presidente e amministratore di Etihad Hogan, ha giudicato "profondamente deludente" l'esito del referendum. "L'accordo preliminare con i sindacati - dice - era stato reso possibile e supportato dai leader degli stessi sindacati, dal management di Alitalia, dal Primo Ministro Italiano e da tre Ministri del Governo, che avrebbero aiutato a mettere il futuro di Alitalia al sicuro. Il rifiuto di questo accordo nel referendum è profondamente deludente". 

"La cosa più plausibile è che si vada verso un breve periodo di amministrazione straordinaria che si potrà concludere nel giro di 6 mesi o con una vendita parziale o totale degli asset di Alitalia oppure con la liquidazione", afferma il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda al Tg3. "Se ci saranno aziende interessate a rilevarla - ha aggiunto - questo è tutto da vedere, è prematuro". 

Calenda ha quindi annunciato che l'Unione europea può dare per un periodo di tempo limitato" il via libera a un aiuto pubblico "per un orizzonte di 6 mesi, a condizioni molto precise che negozieremo sotto forma di prestito".  Si tratterà, ha spiegato ancora il ministro, di un "ponte finanziario transitorio" e non di "una nazionalizzazione né di "cinque anni di amministrazione straordinaria" o di "miliardi di euro di perdite"

 

 

 

Lunedì a Palazzo Chigi, intanto, il premier, Paolo Gentiloni aveva incontrato i ministri per le Infrastrutture, Graziano Delrio, e dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, che nella notte hanno espresso il loro "rammarico e sconcerto per l'esito del referendum". Un risultato, hanno commentato in una nota congiunta firmata anche dal ministro del Lavoro Giuliano Poletti "che mette a rischio il piano di ricapitalizzazione della compagnia". "A questo punto l'obiettivo del Governo, in attesa di capire cosa decideranno gli attuali soci di Alitalia, sarà quello di ridurre al minimo i costi per i cittadini italiani e per i viaggiatori".

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video Economia


Vai al sito: Who's Who