Furia del maltempo in Italia, 12 vittime

Liguria in ginocchio. Ora preoccupano i fiumi, Po e Piave a livello di guardia

Disastro a Rapallo

L'acqua della laguna ha allagato anche il corpo principale della Basilica di San Marco a Venezia 

MALTEMPO: MANDA LE TUE FOTO A internet@ansa.it COMPILANDO LA LIBERATORIA

Piersilvio Berlusconi e i suoi familiari hanno lasciato Portofino, isolata dopo la forte mareggiata che nella notte di lunedì ha letteralmente divorato l'unica strada di accesso al borgo ligure. I Berlusconi hanno lasciato il paesino a bordo di un gommone approdando poi a Santa Margherita Ligure. Secondo le prime informazioni, Portofino è ancora senza gas mentre l'energia elettrica è tornata in quasi tutto il borgo. Aperta la pista che consentirà l'accesso ai mezzi di soccorso e il passaggio dei residenti con piccoli mezzi. In zona, come in tutta la Liguria centrale permane, al momento, l'allerta arancione.

Dodici morti - ma il bilancio potrebbe ancora salire -, paesi isolati, centinaia di persone sfollate e decine di migliaia senza elettricità, collegamenti ferroviari interrotti, danni enormi. Lascia conseguenze pesantissime l'ondata di maltempo che ha travolto l'Italia con piogge torrenziali, mareggiate con onde alte sino a 10 metri e venti che hanno raggiunto punte di 180 chilometri orari, trombe d'aria, corsi d'acqua esondati e i grandi fiumi - soprattutto quelli del Triveneto - sotto stretta sorveglianza. In 48 ore i 5.800 vigili del fuoco impegnati nell'emergenza hanno compiuto più di 7mila interventi per allagamenti, smottamenti e rimozione di alberi caduti, soprattutto in Toscana, Lazio, Veneto, Lombardia, Friuli Venezia Giulia e Liguria. Ed è proprio la Liguria, dove 20mila persone sono rimaste senza energia elettrica e l'aeroporto di Genova è stato chiuso per la pista resa impraticabile dai detriti portati da una violenta mareggiata, la regione più provata. Sono stati colpiti anche due suoi simboli: Portofino, che con i suoi abitanti - tra i quali c'è la famiglia di Pier Silvio Berlusconi - è rimasta isolata a causa di una frana che si è abbattuta sulla panoramica che la collega a Santamaria Ligure, e Rapallo, dove ha ceduto parte della diga e oltre duecento imbarcazioni tra cui decine di superyacht (anche uno di proprietà della stessa famiglia Berlusconi) si sono schiantati sulla scogliera del lungomare, mentre 21 diportisti (alcuni già in ipotermia) sono stati tratti in salvo dai vigili del fuoco. "Non è al momento possibile calcolare i danni, che potrebbero essere di centinaia di milioni", ha detto il governatore Giovanni Toti annunciando che chiederà lo stato d'emergenza. Certamente incalcolabili sono i danni dell'acqua alta a Venezia: allagato anche il corpo principale della Basilica di San Marco, dove l'acqua ha bagnato di qualche decina di metri quadri il millenario pavimento a mosaico in marmo di fronte all'altare della Madonna Nicopeia e ha inondato completamente il Battistero e la Cappella Zen. E' il quinto allagamento nella storia di San Marco e le parole del Primo Procuratore di San Marco, Carlo Alberto Tesserin non lasciano molte speranze: "in un solo giorno la Basilica è invecchiata di vent'anni". Tra gli ultimi morti di questa ondata di maltempo, dopo quelli già rilevati ieri, ci sono una donna in Trentino Alto Adige rimasta intrappolata nella sua abitazione in Val di Sole sommersa da una imponente colata di fango e sassi, un kite-surfista scagliato sulla scogliera di Cattolica dalle fortissime raffiche di vento, un artigiano il cui corpo è stato recuperato nel torrente Biois a Falcade (Belluno), un vigile del fuoco volontario travolto da un albero mentre stava compiendo un intervento a San Martino in Badia in Alto Adige e un pescatore annegato nel lago di Levico in Trentino. E proprio il Trentino ha vissuto ore difficili per l'esondazione del torrente Melendrio, della Drava e del Rio Sesto, per una tromba d'aria che ha scoperchiato alcune case in Valsugana e con la zona del Primerio isolata. Paesi isolati anche in Friuli Venezia Giulia (Sappada) e in Lombardia (diverse località della Valtellina), mentre a causa della neve sul passo dello Stelvio restano ancora bloccate 180 persone tra turisti e lavoratori stagionali. Intanto oggi sarà ancora allerta rossa su buona parte del Veneto e sulla provincia di Trento. E allerta arancione su Liguria centrale e settore occidentale del Veneto.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA