Grillo: 'A 10 anni da V-Day M5S a un passo da traguardo'

'Fu un giorno memorabile, inizio di onda non ancora arrestata'

V-Day: ricorre oggi il decennale da quella che lo stesso Beppe Grillo definì la 'Nuova Woodstock' ("ma con i drogati e i figli di puttana dall'altra parte").

E in un post sul blog Beppe Grillo lo ricorda: "In dieci anni ci sono state emozioni, eventi straordinari, traguardi spettacolari, scoramenti, addii, vittorie, sconfitte, lutti, incazzature, gioie. Eppure siamo ancora qua, più forti di prima, e forse a un passo da un altro traguardo storico". "Oggi non voglio pensare al futuro. Oggi voglio cullarmi nei ricordi. Fu un giorno memorabile. L'inizio di un'onda che ancora oggi non ha arrestato la sua corsa", sottolinea.

"Utilizzate l'hashtag #DelVdayRicordoChe per condividerli", scrive Grillo prima di fare un lungo elenco di ricordi. "Del V-Day ricordo che c'era il sole; Del V-Day ricordo che alle sette di mattina c'era già la coda ai banchetti e che molti aprirono due ore di prima per non far aspettare quelle persone Del V-Day ricordo che eravamo pieni di sogni e di speranze, ma non di illusioni; Del V-Day ricordo che ebbi la sensazione che iniziava un nuovo rinascimento; Del V-Day ricordo che eravamo tantissimi; Del V-Day ricordo che eravamo pronti a riprenderci in mano le nostre vite, e lo facemmo; Del V-Day ricordo che smettemmo di credere a tv e giornali perché non avevano più niente da dire; Del V-Day ricordo che c'erano i poliziotti che si mettevano in fila per non fare più da scorta a politici condannati; Del V-Day ricordo che c'erano un sacco di politici che ci deridevano, oggi nessuno si ricorda di loro; Del V-Day ricordo che li mandammo a fanculo e non era un insulto, ma una previsione", scrive il Garante del M5S.

E Grillo prosegue nel suo elenco: "Del V-Day ricordo che piazza Maggiore era strapiena; Del V-Day ricordo che firmarono più di 300.000 persone per chiedere un Parlamento pulito; Del V-Day ricordo che quelle firme le ottenemmo in una mattina; Del V-Day ricordo che da quel momento smisero di ignorarci; Del V-Day ricordo che pretendevamo democrazia perchè è un nostro diritto; Del V-Day ricordo che dicevamo parole bellissime come "La politica deve creare felicità, voglia di futuro, bellezza. Voglia di lavoro, di creatività, di famiglia"; Del V-Day ricordo che non ci stavamo più a farci rubare il futuro, volevamo iniziare a immaginarlo; Del V-Day ricordo che ci svegliammo dall'incantesimo; Del V-Day ricordo che io e Gianroberto ci abbracciamo forte. E quanto vorrei che tu fossi qui oggi per perderti nei ricordi assieme a me; Del V-Day ricordo che eravamo felici e che avevamo volti bellissimi; Del V-Day ricordo che pensavo sul serio che l'avremmo cambiato questo Paese Del V-Day ricordo che mi chiesi: "Chissà dove saremo tra dieci anni..."

Nel V-day banchetti in tutta Italia con la raccolta di decine di migliaia di firme ma il 'cuore' della festa era a Bologna con una piazza Maggiore totalmente gremita. 

Duecentomila persone, disse il comico dal palco mentre annunciava la raccolta di 300.000 firme per la proposta di legge di iniziativa popolare (''Parlamento pulito'') contro l'elezione dei politici condannati, la limitazione dell'eleggibilita' in Parlamento a due legislature e la preferenza diretta per l'elezione dei parlamentari.

Sul palco associazioni, cittadini esponenti della società civile. 

Dieci anni dopo Casaleggio jr, facendo in una intervista al 'Corriere' un bilancio dei dieci anni dal primo Vaffa day, sottolinea che il Movimento "si è evoluto ed è cresciuto": era "sottovalutato", oggi "è la prima forza politica italiana e ha tutte le carte in regola per andare al governo del Paese".

"Dieci anni fa eravamo un sogno, oggi siamo una solida realtà. Abbiamo migliaia di attivisti in tutta Italia, abbiamo migliaia di eletti nelle amministrazioni e governiamo 46 città. Siamo dentro la Camera, il Senato e in Parlamento europeo. E abbiamo fatto la differenza in questi anni e in più occasioni. Ma non basta. Il nostro obbiettivo a dieci anni dal V Day è andare al governo del Paese ed è un obbiettivo a portata di mano". Lo scrive, in un post su facebook, il vice presidente della Camera M5S Luigi Di Maio atteso questo pomeriggio a Trieste al decennale del V-Day. "E se non lo faranno, lo faremo comunque quando saremo al governo. Niente può spaventarci, niente può fermarci. L'importante è che rimaniamo uniti e remiamo insieme verso la stessa meta. Sono dieci anni che lottiamo, non vorrete mollare proprio adesso? Io non lo farò. Me lo ha insegnato la persona che oggi non può essere con noi a celebrare questo anniversario e che mi manca come l'aria: Gianroberto Casaleggio", sottolinea.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA