Valanga in Valle Aurina, sei morti

Alcune persone sono riuscite a riemergere con i propri mezzi dalla neve

Avrebbe dovuto essere una normale escursione di fine stagione, fino a lassù sul Monte Nevoso, con la sua vista mozzafiato, a quota 3.358, circondato da altre vette da 3000 metri in una mattinata che il Föhn, il vento caldo che viene da nord, aveva reso soleggiata e scintillante. Ma all'improvviso il cielo si è fatto scuro, come spesso accade in montagna. Si è udito un boato ed una valanga del fronte di 150 metri si è staccata dalla vetta abbattendosi su un gruppo di alpinisti della vallata, travolgendoli. Il bilancio della disgrazia è di sei morti, da queste parti il più grande incidente in montagna in una stagione avviata ormai al termine. Tra le vittime un ragazzo di appena 16 anni, una donna di 32 e un austriaco, Horst Wallner, 49enne direttore generale della Camera di Commercio del Tirolo. Morto anche l'altoatesino Bernhard Stoll, imprenditore 43enne ed alpinista esperto, che nel 2011 aveva scalato un ottomila, il Manaslu. Secondo i soccorritori, la slavina si è staccata a causa del fenomeno del accumulo nevoso, vale a dire uno strato di neve caduta da poco che scivola sulla neve sottostante, più dura perché ghiacciatasi nel corso delle settimane. Il luogo dove gli alpinisti si trovavano al momento del distacco della slavina era uno di quelli che non lasciano scampo. Come ha spiegato Hans Berger, senatore della Svp che in Valle Aurina è di casa e che è un appassionato alpinista, il campo da dove è caduta la slavina è un grande triangolo con il vertice puntato sulla vetta: gli sfortunati alpinisti si trovavano ai piedi di questo triangolo, in una specie di avvallamento nel quale la neve si è accumulata senza lasciare loro vie d'uscita. La disgrazia avrebbe potuto avere dimensioni ancora più gravi se alcuni dei 15 alpinisti che componevano i tre gruppi in salita non fossero riusciti a trarsi in salvo con i propri mezzi, "galleggiando" sulla neve farinosa mentre questa cadeva loro addosso.

LA ZONA DELLA VALANGA

Tra quelli che si sono salvati c'è anche un'austriaca, portata a valle con un elicottero: al momento di scendere dal velivolo, la donna appariva estremamente provata, tanto che è stata accompagnata in un vicino albergo dove la protezione civile aveva nel frattempo mandato alcuni psicologi incaricati di occuparsi dei superstiti. La disgrazia della Valle Aurina ha suscitato un grande cordoglio tra gli alpinisti della vallata. Anche il premier Matteo Renzi ha seguito lo svolgersi dei soccorsi, in collegamento con la protezione civile mentre era impegnato a Parigi per il vertice dei progressisti europei. Solidarietà è stata espressa, a nome di tutti gli altoatesini, ai parenti delle vittime dal governatore Arno Kompatscher. Un'altra valanga, questa volta, di medie dimensioni è caduta nell'area di Bormio (Sondrio), oltre quota 2.000; nessuno è rimasto coinvolto, mentre sulle piste di sci si sono verificati due incidenti. Uno a Bardonecchia, in Alta Valle di Susa, a 2.050 metri, dove due sciatori si sono scontrati; entrambi sono stati portati in ospedale con trauma cranico e uno dei due, un sedicenne, è in gravi condizioni ma non in pericolo di vita. L'altro incidente è avvenuto nella stazione sciistica di Monesi, in provincia di Imperia; protagonista una bambina di 11 anni che, caduta dagli sci, è rimasta gravemente ferita.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA