Post-it

Il 58% dei bimbi beve poca acqua, ecco decalogo sul bere

Solo metà genitori si informa, carenza aumenta rischi salute

Redazione ANSA

ROMA - Il 58% dei bambini beve meno di un litro d'acqua al giorno, e solo un genitore su due si informa su quanta acqua abbiano assunto i propri figli. Lo hanno affermato gli esperti durante il convegno 'Bere bene per crescere bene' oggi a Roma, durante la quale è stato presentato il primo decalogo su idratazione e bambini.
Secondo i dati presentati, frutto di una ricerca Gfk commissionata dal gruppo Sanpellegrino, un genitore su tre non conosce il corretto fabbisogno idrico dei bambini, uno su due considera un'idratazione corretta tra le principali leve per la salute e quattro su cinque dichiarano che i figli bevono solo quando hanno sete, cioè quando sono già disidratati. Anche per i bambini invece, spiega il decalogo realizzato dalla Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale, la regola è bere almeno otto bicchieri da 150 millilitri di acqua al giorno. "Vorremmo che i genitori e il mondo della scuola recepissero il messaggio alla base dell'iniziativa - afferma Giuseppe Di Mauro, presidente Sipps - e cioè che una corretta idratazione è fondamentale per una sana crescita, al contrario una idratazione inadeguata è associata al peggioramento dello stato di salute".
L'insufficiente assunzione di acqua, ricorda Umberto Solimene, presidente della Federazione Mondiale del Termalismo (Femtec) è associata anche a un rischio maggiore di obesità. "I risultati di questa indagine ci fanno riflettere sulla necessità di colmare una lacuna informativa e di consapevolezza non solo dei genitori ma della popolazione generale".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA