Zuckerberg, Libra non vuole essere moneta sovrana

Non cerca di entrare nell'arena della politica monetaria

Libra, la valuta criptovaluta di Facebook, non vuole essere una moneta sovrana e non sarà lanciata senzza il consenso Usa. E' il messaggio di Mark Zuckerberg alla commissione servizi finanziari della Camera, davanti alla quale sarà sentito mercoledì. Nel testo diffuso del suo intervento, Zuckerberg mette in evidenza come Libra potrebbe essere un rimedio per le disuguaglianze perché potrebbe consentire a milioni di persone che non usano le banche di accedere al sistema finanziario.

Il Tesoro americano ha incontrato esponenti e funzionari di Facebook, ai quali ha detto che i piani per il lancio della criptovaluta Libra sono prematuri. Così il segretario al Tesoro americano, Steven Mnuchin, nel corso di un'audizione in Congresso, spiegando che la preoccupazione maggiore del Tesoro è che Libra aggiri le norme anti riciclaggio.

Il titolo del social network pesante a Wall Street dove arriva a perdere il 2,26%. A pesare è l'ampliamento dell'indagine antitrust nei confronti della piattaforma e la gelata di Mnuchin.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA