Big tecnologia uniti per 'Convenzione Ginevra' digitale

Oltre 30 aziende tech fanno muro contro attacchi dei governi

Più di 30 aziende tech mondiali hanno aderito ad una sorta "Convenzione di Ginevra" digitale, impegnandosi a non prendere mai parte agli attacchi informatici contro individui o imprese. I firmatari del Cybersecurity tech accord comprendono Facebook, Microsoft, Arm e Trend Micro e provengono in gran parte dagli Stati Uniti e dall'Europa occidentale.

Non includono invece le società dei paesi considerati tra i responsabili dell'escalation della cyber war come la Russia, la Corea del Nord e l'Iran. Altrettanto vistosa è l'assenza di Google, Apple e Amazon, non ci sono motivazioni ufficiali per questa scelta. Nell'accordo - come riporta il Guardian - le aziende si impegnano ad agire ad agire in modo responsabile in quattro aree chiave: rafforzare le capacità difensive, rifiutarsi di fornire quelle offensive, aiutare aziende e utenti a difendersi e lavorare collettivamente per ridurre il potenziale di dannosi attacchi informatici.

Forza trainante dell'accordo Brad Smith, presidente di Microsoft, per mesi ha sostenuto che l'industria tecnologica ha bisogno di "una convenzione digitale di Ginevra che impegni i governi a proteggere i civili dagli attacchi degli stati nazione in tempo di pace".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA