Apple si difende, in arrivo nuove misure per bambini

Risponde a lettera aperta azionisti

Apple si difende e difende la sua politica a difesa dei bambini. ''Li abbiamo sempre protetti e lavoriamo duramente per creare prodotti che ispirino, intrattengano ed educhino aiutando allo stesso tempo i genitori a tutelarli online'' afferma Cupertino rispondendo alla lettera aperta degli azionisti Jana e Calstrs, il fondo pensione degli insegnanti della California. Una risposta netta con la quale Apple spiega che fin dal 2008 mette a disposizione 'armi' per i genitori impegnati a tutelare i figli nel web: con i dispositivi iOS ''qualsiasi cosa un bambino possa scaricare o raggiungere online può essere facilmente bloccata o limitata'' spiega Cupertino, assicurando il suo costante impegno a migliorare e aprendo di fatto la strada a ulteriori miglioramenti.

''Naturalmente siamo costantemente alla ricerca di modi per migliorare l'esperienza che offriamo con i nostri prodotti. Abbiamo funzionalità e miglioramenti pianificati per il futuro, che rendono gli strumento gia' a disposizione piu' potenti'' aggiunge. L'investitore attivo Jana si dice ''incoraggiato'' dalla replica di Apple. ''Non abbiamo detto che non fa niente'' per la dipendenza dei bambini dagli iPhone: ''riteniamo che possa fare di piu''' dice Barry Rosenstein, fondatore di Jana.

''Apple e' il posto migliore dove avviare'' una campagna per una maggiore responsabilita' sociale: ''Apple e' leader dell'industria e quello che fa invia un messaggio forte alle altre aziende'' gli fa eco Charles Penner, partner di Jana. Soddisfatto anche Calstrs: ''La risposta di Apple e' molto positiva'' mette in evidenza Anne Sheehan, direttore della corporate governance del fondo. La polemica sull'eccessivo uso dell'iPhone da parte dei bambini e della dipendenza creata e' uno dei problemi che di recente hanno colpito Apple, insieme alle critiche sul rallentamento volontario degli iPhone piu' vecchi sui quali la Francia ha aperto un'indagine per ''obsolescenza programmata''. Per Apple si tratta di grane in grado di avere un impatto sull'immagine, che Cupertino ha molto a cuore.

Ma si tratta di grane che riguardano buona parte della Silicon Valley, basta guardare a Facebook e all'impegno che Mark Zuckerberg si e' assunto per rendere la societa' piu' responsabile dal punto di vista sociale. Non e' esente dalle critiche neanche Google accusata, cosi' come Twitter, di discriminare chi non e' liberal ma ha punti di vista conservatori. Contro Mountain View ha avviato un'azione legale in questo senso James Damore, l'ex ingegnere licenziato per il suo manifesto sessista. ''L'aperta ostilita' di Google contro il pensiero conservatore si accompagna all'oltraggiosa discriminazione sulla base della razza e del genere, che e' vietata dalla legge'' si legge nei documenti depositati in tribunale.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA