Apple: accordo con l'Irlanda sulle tasse

Fondi liberati se Corte conferma Ue su 13 mld non versati

Apple e l'Irlanda hanno raggiunto un accordo di principio per il pagamento delle presunte tasse non versate a Dublino. Lo annuncia il ministro delle Finanze irlandese, Paschal Donohoe, sottolineando che Apple verserà i fondi su un conto di garanzia. I fondi saranno 'liberati' dal conto solo nel nel caso in cui la Corte europea dichiarerà valida la decisione dell'Ue dell'agosto 2016, secondo la quale Apple deve 13 miliardi di dollari.

UE, STOP PROCEDURA SE IRLANDA RECUPERA AIUTI "Speriamo di poter lavorare costruttivamente con le autorità irlandesi per assicurarci che il recupero (degli aiuti a Apple, ndr) sia completato il prima possibile. Questo consentirebbe di chiudere la procedura" contro l'Irlanda, per non aver finora recuperato gli aiuti: lo ha detto un portavoce dell'antitrust Ue dopo l'incontro tra il ministro irlandese e la commissaria alla concorrenza Margrethe Vestager. Bruxelles a ottobre aveva deferito Dublino alla Corte Ue per non aver rispettato la decisione del 2016 sul recupero degli aiuti.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA