In Ue 114 mln euro di multe per Gdpr

In Italia 11,5 milioni, segnalate solo 1.886 violazioni di dati

Le autorità europee hanno elevato, nel complesso, 114 milioni di euro di multe per violazione del Gdpr, il regolamento Ue in materia di trattamento dei dati personali in vigore dal 25 maggio 2018. A dirlo è un rapporto dello studio legale internazionale Dla Piper, che ha preso in esame le sanzioni rese pubbliche. Al primo posto si piazza la Francia, con la multa da 50 milioni inflitta l'anno scorso dal Cnil a Google.

Seconda è la Germania (24,5 milioni di euro di sanzioni) e terza l'Austria (18,1 milioni). L'Italia è al quarto posto con 11,5 milioni. Nel 20 mesi considerati, i 28 Paesi membri più Norvegia, Islanda e Liechtenstein hanno totalizzato 160.921 violazioni di dati personali segnalate dalle aziende alle autorità competenti, con casi di varia gravità che vanno dalle mail inviate all'indirizzo sbagliato fino ai grandi cyber-attacchi.

I tre Paesi che hanno notificato più violazioni sono Olanda (40mila), Germania (37mila) e Regno Unito (22mila). L'Italia è undicesima con 1.886 segnalazioni. Guardando alle segnalazioni pro capite, l'Italia è terzultima, seguita solo da Romania e Grecia. Stando allo studio legale, "l'esempio italiano dimostra che sebbene il Gdpr si applichi in tutta Europa, la sua interpretazione e applicazione da parte dei regolatori varia in modo ampio, rendendo l'ottemperanza una sfida per le organizzazioni multinazionali".
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie