WeChat, non memorizziamo i messaggi

Accusa era stata mossa dal miliardario dell'automotive Li Shufu

ROMA - WeChat, la popolarissima applicazione cinese per chattare che conta 900 milioni di utenti giornalieri, nega di memorizzare le conversazioni degli utenti. La smentita arriva oggi dopo che, nei giorni scorsi, il miliardario del settore automotive Li Shufu - fondatore e presidente della conglomerata cinese Geely Holding Group che possiede anche Volvo Cars - aveva accusato la compagnia Tencent, proprietaria di WeChat, di guardare quotidianamente le chat degli utenti.

"WeChat non conserva lo storico delle chat, che è memorizzato solo su smartphone, computer e altri dispositivi degli utenti", scrive la app in un post. Inoltre "WeChat non usa alcun contenuto delle chat per fare analisi dei dati". Per questo, conclude, "dire che stiamo guardando il vostro WeChat ogni giorno è semplicemente una convinzione errata". 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA