Russiagate: Facebook chiude 270 account agenzia Ira

Zuckerberg, 'influenza le elezioni, non la vogliamo sul social'

ROMA - Facebook ha chiuso 270 account di pagine e profili legati alla Internet Research Agency (Ira), la "fabbrica di troll" russa accusata di aver comprato spazi a pagamento sul social per diffondere fake news e influenzare elezioni straniere. Lo ha reso noto il Ceo Mark Zuckerberg in un post. "Questa agenzia russa ha agito ripetutamente in modo ingannevole e ha cercato di manipolare le persone in Usa, Europa e Russia. Non la vogliamo su Facebook in nessuna parte del mondo", ha scritto Zuckerberg.

Gli account chiusi in questa circostanza costituivano "un network volto a manipolare i cittadini russi" e le persone russofone in Ucraina, Azerbaigian e Uzbekistan. L'Ira, nata tre anni fa a San Pietroburgo, ha cominciato a far parlare di sé nell'autunno scorso, quando su Facebook - ma anche su Twitter e Google - è stata scoperta una rete di centinaia di account fasulli volti a diffondere contenuti divisivi e a influenzare le elezioni presidenziali americane.

Da quel momento, sottolinea Zuckerberg, Facebook "ha migliorato le tecniche per impedire agli Stati di interferire in elezioni estere e ha costruito strumenti di intelligenza artificiale più avanzati per rimuovere gli account falsi". Nelle elezioni presidenziali francesi, ad esempio, sono stati rimossi 30mila account fasulli.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA