C'è un vaccino anche contro le fake news: è un videogame anti-bufala

Mette nei panni di chi crea false informazioni

Anche contro le fake news ci si può vaccinare, grazie ad un videogioco che inocula le tattiche della propaganda. Ne sono convinti i ricercatori dell'università di Cambridge, che in uno studio pubblicato sul Journal of Risk Research presentano un gioco online anti-bufala. Nel videogame il giocatore veste i panni di un aspirante propagandista, e in questo modo sperimenta le tecniche e le motivazioni dietro la diffusione della disinformazione.

In uno studio precedente, gli esperti di Cambridge avevano dimostrato che esporre le persone alle tattiche usate dai produttori di fake news può agire come "vaccino psicologico" contro la disinformazione sul cambiamento climatico. Nella nuova indagine, sostengono che si può arrivare ad una "immunizzazione generale" contro l'ampio ventaglio di bufale presenti nel dibattito pubblico.

Il videogame, sul sito fakenewsgame.org, incoraggia i giocatori a stimolare la rabbia, la sfiducia e la paura nel pubblico manipolando le notizie digitali e i social media all'interno della simulazione. Per guadagnare audience si pubblicano polarizzazioni false, si ritoccano foto e si diffondono teorie cospirative, il tutto mantenendo un buon "punteggio di credibilità" per rimanere il più persuasivo possibile.

"Se sai cosa vuol dire vestire i panni di chi tenta attivamente di ingannarti, hai una maggiore capacità di individuare la tecnica d'inganno e di resistergli", osservano i ricercatori. Obiettivo è "far crescere gli 'anticorpi mentali' in grado di fornire un'immunità contro la rapida diffusione della disinformazione".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA