in Italia cybercrime terza frode finanziaria per le aziende

Da corruzione a hacker, una su 4 subisce danni per oltre 1 mln

Cresce la minaccia del cybercrime per le aziende italiane tanto da configurarsi terza categoria di frode economico-finanziaria, preceduta solo da appropriazione indebita e corruzione. In Italia un'azienda su 5 dichiara di essere stata vittima negli ultimi due anni di frodi economiche e di queste il 20% ha subito crimini informatici.

In generale un'azienda su 4 ha registrato danni superiori al milione di euro. Il profilo del truffatore è quello di un uomo, senior manager, interno all'organizzazione. A scattare la fotografia è il Crime Survey 2016, indagine realizzata da PwC tra luglio 2015 e febbraio 2016 in 115 Paesi, tra cui il nostro, su 6.300 soggetti.

Dallo spaccato italiano emerge che nonostante i rischi del cybercrime siano ritenuti "molto gravi" anche per il futuro (secondo il 30% degli intervistati), solo il 53% delle organizzazioni ha preparato un piano di risposta per eventuali attacchi. Il nostro Paese si caratterizza anche per una maggiore fiducia (46%) nelle forze dell'ordine impegnate nella lotta contro il cybercrime rispetto alla media globale (23%).

In generale le frodi finanziarie in Italia - non solo informatiche - colpiscono principalmente i settori di energia, utilities e industria mineraria, ma anche servizi finanziari, manifatturiero e servizi professionali. Quasi la metà dei reati più gravi è stata commessa da dipendenti dell'azienda coinvolta.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA