Un italiano su 3 aggira le restrizioni Internet sul lavoro

Studio, superate con dispositivi personali

Un italiano su tre (32%) aggira le restrizioni d'accesso a Internet (Facebook, app e messaggistica) imposte dalla propria azienda sul luogo di lavoro, un numero che sale al 49% nella fascia d'età tra i 18 e i 34 anni. Il 26% tende a ignorare o ad aggirare le restrizioni usando i dispositivi personali per Twitter, il 29% per servizi di video streaming, il 34% per applicazioni d'archiviazione sul cloud, il 38% per app mobile. Sono i dati di una ricerca OnePoll per Samsung. L'indagine ha coinvolto 4.500 persone in sette Paesi europei (Italia, Gran Bretagna, Germania, Francia, Spagna, Belgio e Olanda).

Nonostante in Europa l'accesso a Facebook sia limitato o addirittura vietato al 40% dei dipendenti, sono in molti a ignorare o aggirare le regole: il 34% in Germania, il 32% in Spagna, il 31% in Belgio e Olanda. I più indisciplinati sono gli inglesi (41%), mentre i francesi (20%) si distinguono per il rispetto delle norme aziendali. Il settore di mercato europeo in cui limiti e divieti sono più frequenti è l'alberghiero. Il 47% delle aziende ha delle regole in materia ma il 38% del personale le infrange, un dato inferiore solo al 46% degli indisciplinati che si trovano nel settore immobiliare.

''Dal punto di vista della sicurezza, è comprensibile che i datori di lavoro vogliano controllare l'uso della tecnologia da parte dei propri dipendenti'', commenta Dimitrios Tsivrikos, Consumer and Business Psychologist allo University College London. ''Se però questo si traduce nell'ignorare le esigenze del professionista moderno, le aziende potrebbero andare incontro a un calo di produttività e di coinvolgimento''.

   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA