Asus, valutazioni Antitrust su numero irrisorio di casi

Così azienda dopo multa Autorità di 3 milioni del 30 dicembre

"Siamo fortemente dispiaciuti nell'evidenziare che l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato abbia fondato le sue valutazioni su un numero irrisorio di casi pari soltanto allo 0,005% di tutte le procedure di assistenza gestite in Italia dal 2014 al 2018": questo il commento di Asus dopo la multa di 3 milioni comminata dall'Antitrust all'azienda il 30 dicembre per "l'inadeguata prestazione dei servizi di assistenza in garanzia".

"Da sempre - aggiunge - tutte le procedure aziendali sono state sviluppate per soddisfare al meglio le aspettative dei propri utenti e ci impegniamo nel continuo miglioramento delle stesse per confermare la vision aziendale. Il consumatore è e sarà sempre al centro della vision aziendale continueremo a lavorare con l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato e gli organi giuridici Italiani al fine di garantire la tutela dei consumatori e della Reputazione aziendale stessa", conclude Asus.

Il procedimento dell'Antitrust è stato avviato su segnalazione dell'Adiconsum. La multa riguarda le divisioni italiana, europea e la sede olandese, ASUSTeK Italy S.r.l., ASUS Europe B.V. e ASUS Holland B.V. La pratica scorretta, sarebbe iniziata nel 2014 e sarebbe ancora in corso. L'autorità per la garanzia della concorrenza e del mercato ha anche irrogato una sanzione di 100 mila euro alla Arvato Distribution GmbH in qualità di rivenditore autorizzato per l' uso di un numero telefonico con prefisso 199 per la prestazione dei servizi di assistenza tecnica e della garanzia legale.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie