Class action contro Oracle su paga donne

Oltre 4200 dipendenti: agli uomini 13 mila dlr l'anno in più

Class action contro Oracle, una delle più grandi società della Silicon Valley, accusata da oltre 4.200 lavoratrici di discriminare le donne, pagandole sistematicamente meno: in media 13 mila dollari all'anno rispetto ai colleghi uomini che svolgono mansioni simili.

Un'analisi delle buste paga ha evidenziato "un livello straordinariamente alto" di differenze, secondo l'accusa: le donne, a parità di lavoro, hanno in media il 3,8% in meno nello stipendio base, il 13,2% meno in bonus e il 33,1% in azioni.

La class action arriva mentre le aziende hi-tech sono finite sotto la lente di ingrandimento per discriminazioni di genere e di razza, comprese le molestie, l'ineguaglianza salariale e i pregiudizi nei luoghi di lavoro. La vicenda di Oracle rievoca le controversie contro Google, anch'essa finita nel mirino per discriminazioni salariali.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA