Guida autonoma, Torino si candida per la sperimentazione

Firmato protocollo intesa, città vuol essere laboratorio futuro

TORINO - Torino sperimenta, fra le prime città in Italia, i veicoli a guida autonoma e connessa. La Città ha firmato oggi un protocollo d'intesa con case automobilistiche, aziende enti di ricerca e atenei, associazioni di categoria, per fare del capoluogo piemontese un laboratorio che sia anche da esempio per lo sviluppo del futuro della mobilità. Il protocollo arriva a poche settimane dal decreto del Ministero dei Trasporti, a cui ora le case automobilistiche chiederanno di far partire il testing. Il Comune darà il nulla osta per la sperimentazione sul territorio cittadino e fornirà il supporto necessario in termini di infrastrutture tecnologiche e fisiche su cui saranno fatti ulteriori investimenti proprio grazie al decreto ministeriale. Fra i firmatari del protocollo Fca Group, Gm Global Propulsion Systems, Anfia e Unione Industriale, 5T, Politecnico e Università, Tim, Italdesign Giugiaro.

Per la sindaca Chiara Appendino nel progetto per la sperimentazione dell'auto a guida autonoma "si raccolgono le potenzialità e il know how del nostro territorio. È un'occasione unica - aggiunge - che può permettere al territorio e alle sue aziende di costruire una filiera che porterà grandi ricadute economiche, sociali e di mobilità. È una sfida - sottolinea - che si vince insieme e possiamo essere da esempio per lo sviluppo di questo settore". Sul piano pratico, spiega l'assessore all'Innovazione del Comune di Torino, Paola Pisano, "le case automobilistiche ci diranno quali sono i parametri per il testing e noi dovremo condividere le infrastrutture sensoristiche e i dati di traffico". Il protocollo è aperto all'ingresso di altri partner, aggiunge la Pisano, sottolineando che si tratta di un progetto che "valorizza le nostre infrastrutture tecnologiche, crea un nuovo modello di mobilità e un indotto nuovo. Come 200 anni fa si era creata la filiera dell'auto, oggi Torino può provare a ripetere quel 'miracolo' sviluppando un settore in crescita esponenziale e che può cambiare il nostro modo di vivere". 

Open Fiber partner progetto Torino
Open Fiber partecipa alla sperimentazione sulla guida autonoma e connessa, mettendo a disposizione della città di Torino la sua infrastruttura di rete a banda ultra larga. Tra i firmatari dell'intesa col Comune di Torino c'è anche l'azienda che arricchisce così il suo impegno verso l'innovazione tecnologica. Open Fiber, del resto, è già al lavoro nella realizzazione d'una rete in fibra ottica ultraveloce su tutto il territorio nazionale e nella sperimentazione del 5G nelle città di Prato e L'Aquila.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA