Gartner, stampa 3D 'di massa' fra 5-10 anni

Al momento trainano mercato settore business e sanità

Nonostante l'interesse generale e l'arrivo dei primi dispostivi a costi accessibili, la stampa di oggetti tridimensionali non diventerà un fenomeno di massa prima di cinque o dieci anni. E' quanto stimano gli analisti di Gartner, secondo cui il settore consumer verrà ben dopo quello business e sanitario nella grande diffusione delle stampanti 3D.

"La stampa 3D come prodotto di consumo di massa è 5-10 anni di là da venire", afferma Pete Basiliere, vice presidente Ricerche di Gartner. "Oggi - aggiunge - una quarantina di produttori vendono alle imprese i modelli più comunemente usati di stampanti 3D per le aziende e oltre 200 startup in tutto il mondo stanno sviluppando e vendendo stampanti 3D per l'utenza consumer, dal costo di poche centinaia di dollari. Ma il prezzo di queste ultime però è ancora troppo alto per il mercato di massa dei consumatori, nonostante la conoscenza diffusa del prodotto e il considerevole interesse mostrato dai media".

Secondo Gartner l'adozione della stampa 3D da parte delle imprese è destinava ad avere una diffusione molto più rapida di quella consumer, ma non bisogna dimenticare che i due settori che al momento sembrano avere esigenze simili, sono in realtà molto differenziati, per necessità ed utilizzi. "Entro 2-5 anni ci sarà una grande diffusione di stampanti 3D per le imprese, trainata dalla creazione di software ad hoc e di service per la stampa. Più o meno nello stesso periodo, la stampa 3D in campo sanitario offrirà benefici concreti e questo avrà come risultato una diffusione globale del suo impiego soprattutto nei settori degli impianti prostetici e dei dispositivi medicali", conclude Basiliere.
  

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA