Australian Open, Seppi passa al terzo turno. Nadal avanti facile, passa pure Tsonga

Il tennista italiano ha battuto il giapponese Nishioka

Terzo turno per la quarta volta di fila agli Australian Open per Andreas Seppi. Il 33enne altoatesino ha superato in tre set il giapponese Yoshihito Nishioka: 6-1 6-3 6-4 in un'ora e 51 minuti. "Un buon match - sottolinea l'azzurro - sono partito molto bene, mentre lui nel primo set ha fatto tanti errori. L'unico aspetto negativo è la percentuale di prime al servizio sotto il 50%, ma da fondo ho mosso bene la palla. Ho sempre avuto in mano il gioco, anche nei momenti importanti dell'incontro. Positivo aver chiuso in tre set, perché a Melbourne in questi giorni fa molto caldo e dopo la settimana di Canberra e le due partite giocate qui cominciavo ad accusare un po' di stanchezza. Ora ho una giornata di riposo per recuperare". Prossimo avversario il croato Ivo Karlovic che ha sconfitto un altro giapponese, Yuichi Sugita, dopo una maratona di cinque set e quattro ore e mezza. Approda al terzo turno anche Rafa Nadal: lo spagnolo n.1 del mondo ha superato per 6-3 6-4 7-6 l'argentino Leonardo Mayer.

"Per me - ha dichiarato Rafa a fine match - è un successo importante dal momento che Leonardo è un avversario difficile. Colpisce molto forte la palla, come abbiamo visto nei giochi conclusivi e mi ha costretto a tirare fuori grandi colpi nel tie-break". Nadal, finalista a Melbourne lo scorso anno sulla strada per gli ottavi troverà dall'altra parte della rete venerdì il bosniaco Damir Dzumhur che al primo turno ha piegato Paolo Lorenzi. Ha invece faticato Grigor Dimitrov, numero 3 del ranking mondiale. Il bulgaro ha visto complicarsi non poco il match con lo statunitense Mackenzie McDonald proveniente dalle qualificazioni. Senza alcun timore reverenziale il 22enne californiano ha spinto con coraggio, costringendo Dimitrov a 5 set e quasi tre ore e mezza di gioco: punteggio finale per il bulgaro 4-6 6-2 6-4 0-6 8-6. Tutto facile anche per il croato Marin Cilic, che ha travolto per 6-1 7-5 6-2 il portoghese Joao Sousa mentre il francese Jo-Wilfried Tsonga ha rimontato il canadese Denis Shapovalov, battendolo per 3-6 6-3 1-6 7-6 7-5.

Prossimo avversario del transalpino l'australiano Nick Kyrgios che ha sconfitto per 7-5 6-4 7-6 il serbo Viktor Troicki. Nel tabellone femminile ha rischiato molto Caroline Wozniacki, seconda testa di serie del torneo, contro la croata Jana Fett, n.119 del ranking. Poi la danese ha preso il sopravvento e chiuso la partita con il punteggio di 3-6 6-2 7-5. Passa con qualche fatica anche l'ucraina Elena Svitolina. n.4 del seeding, che ha battuto la ceca Katerina Siniakova per 4-6 6-2 6-1. Da segnalare l'uscita di scena di Belinda Bencic, che aveva eliminato al primo turno Venus Williams. La svizzera si è fatta battere 6-1 6-3 dalla thailandese Luksika Kumkhum, che aveva sconfitto Sara Errani nell'ultimo turno delle qualificazioni. E 22 anni dopo Martina Hingis - era il 1996 - c'è un'altra baby al terzo turno di Melbourne. Marta Kostyuk, classe 2002 (15 anni), dodici mesi fa conquistava il titolo junior: ora è già protagonista tra le big. Alla vigilia dello Slam la 15enne di Kiev era n. 520 del ranking mondiale: male che vada il derby con la Svitolina entrerà tra le prime 250. La wild card australiana Olivia Rogowska non era all'altezza della sua avversaria d'esordio - la cinese Shuai Peng - ma Marta ha comunque archiviato la pratica in due set, 6-3 7-5. Tra coloro che la seguono anche Ivan Ljubicic, coach di Roger Federer.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA