Tennis: big non vanno, 2018 si apre nel segno di Federer

Nadal e Djokovic ancora ai box, e Murray rinuncia a Brisbane

In un inizio di 2018 che non vede brillare i big della racchetta (Rafa Nadal alle prese con i problemi ad un ginocchio che lo hanno fatto saltare prima l'esibizione di Abu Dhabi e poi il torneo di Brisbane, Andy Murray che ha dato forfait in extremis allo stesso torneo australiano per i persistenti dolori ad un'anca, Novak Djokovic che rinunciato all'ultimo momento a Abu Dhabi per i continui guai ad un gomito), l'unica certezza del tennis mondiale per il momento ha il nome di Roger Federer. Il fuoriclasse svizzero, che si è calato anche nel ruolo di attore nei panni di che per uno spot tv, sta infatti brillando a Perth dove rappresenta i colori rossocrociati alla Hopman Cup insieme a Belinda Bencic e dove ha già portato a casa due vittorie, due giorni fa contro il giapponese Yuichi Sugita e oggi contro il russo Karen Khachanov. "E' stato un buon incontro - ha commentato Federer - ed ho potuto contare sul supporto del pubblico, che è una cosa che mi rende sempre felice.

La passione verrebbe meno se non sentissi questo sostegno. Spero proprio che questa non sia la mia ultima partecipazione a questo torneo". Per inciso, anche la Bencic ha dato il suo contributo vincendo i suoi match e così la Svizzera si trova al comando del girone con due vittorie e ha grandi possibilità di arrivare in finale e probabilmente anche di vincere anche la Coppa. Federer in grande spolvero dunque, che ha fatto impazzire il pubblico australiano già in occasione di un allenamento con il tennista di casa Thanasi Kokkinakis, disputato alla vigilia dell'inizio del torneo-esibizione e per il quale si sono scomodate seimila persone.

E' sicuramente lui il grande favorito degli Australian Open, che iniziano lunedì 15 gennaio a Melbourne e ai quali Federer arriva da campione in carica dopo aver battuto in finale Rafael Nadal al termine di quello che da molti è stato considerato il più bel match del 2017. Se sulla forma di Federer nessuno può dubitare, le condizioni fisiche degli altri tennisti di maggior richiamo rappresentano più di un'incognita: Nadal ha sì annunciato la propria presenza ad una esibizione a Melbourne a pochi giorni dall'inizio dello Slam ma è attualmente il lontano parente di quello che lo scorso anno ha vinto per la decima volta il Roland Garros.

Murray, anch'egli voglioso di tornare in vetta al ranking mondiale dopo essere precipitato al numero 16, nel comunicare il forfait a Brisbane ha detto di "non essere ancora pronto". Non pervenuto Djokovic, che dopo il forfait alla ricca esibizione della capitale degli Emirati, non ha ancora sciolto i dubbi sulla sua partecipazione al primo Slam stagionale. Cercansi avversari per 'King' Roger
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA