Motogp: Quartararo vola nelle libere a Valencia, Rossi cade

Marchigiano due volte a terra. Bene Vinales, Lorenzo ai saluti

E' nel segno di Fabio Quartararo il venerdì di prove libere a Valencia, dove domenica si correrà l'ultima prova del Motomondiale 2019. Il francese della Yamaha Srt ha dominato entrambe le sessioni sul circuito Ricardo Tormo, precedendo due spagnoli, Maverick Vinales con la Yamaha ufficiale e il campione del mondo Marc Marquez. Ha sofferto, invece, Valentino Rossi, che è caduto due volte, in mattinata e nel pomeriggio, chiudendo di conseguenza solo col 14/o tempo complessivo, due posizioni più avanti rispetto a Jorge Lorenzo, che sta vivendo l'ultimo fine settimana di gara con la sua carriera.

Quartararo ha chiuso il suo miglior giro in 1'30″735, in assetto da qualifica con due gomme morbide, precedendo di circa 150 millesimi Vinales e di 240 su Marquez, il quale però ha lavorato in parte in vista della gara e molto della prossima stagione. Un 2020 per il quale l'Honda cerca un pilota al posto di Lorenzo e tra i papabili non pochi indicano Alex Marquez, fresco vincitore del campionato Moto 2. La Ducati si è dovuta affidare a Jack Miller per mettere una bandierina tra le caselle di testa, con Andrea Dovizioso solo nono, staccato di circa sei decimi dal francese, e Danilo Petrucci 12/o davanti al collaudatore Daniele Pirro. Un altro segnale da parte dell'australiano che secondo alcune voci potrebbe l'anno prossimo prendere il posto dell'umbro al fianco di Desmodovi. Buona prova per Franco Morbidelli, quinto con l'altra Yamaha Srt, con le Suzuki di Alex Rins e di Joan Mir a dividerlo dall'Aprilia, in crescita, condotta da Aleix Espargarò. Dopo Pirro che in mattinata ha visto la sua Ducati andare a fuoco in piena pista, le maggiori emozioni del giorno le ha vissute Rossi, complici due cadute dalla dinamica simile, con perdita dell'anteriore prima alla curva 4 e poi alla 10. Nessuna conseguenza per il pilota, ma M1 semidistrutta nel secondo crash, con ovvie conseguenze sul lavoro di giornata.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA