Juventus: Ronaldo si ferma, assente a Brescia e al Best Fifa

Sarri: 'Non è un videogioco, per adattarsi serve tempo'

Cristiano Ronaldo non giocherà domani sera a Brescia, nell'anticipo della quinta giornata di campionato. CR7 è stato fermato - spiega una nota della società bianconero - "da un lieve affaticamento all'adduttore che verrà monitorato nelle prossime ore".
E questa sera non sarà a Milano per la cerimonia del ''Best Fifa Football Award 2019''. L'asso della Juventus è infatti rimasto a Torino, ufficialmente per curare l'affaticamento all'adduttore, l'infortunio per cui non è stato convocato da Sarri per la gara di domani contro il Brescia. Ronaldo era nominato per il premio di 'miglior giocatore dell'anno' assieme a Virgil Van Dijk del Liverpool (il favorito per questo riconoscimento) e Lionel Messi del Barcellona.

"Per mettere i giocatori nelle condizioni di esprimersi al meglio e mantenere un equilibrio di squadra ci vuole tempo. Non è un videogioco". Così il tecnico della Juventus, Maurizio Sarri, alla vigilia della trasferta contro il Brescia. "L'adattamento al mondo Juve è stato semplice - spiega -. E' un mondo fatto di persone, con le quali mi trovo benissimo. La necessità di fare risultati c'è ovunque, non è che c'è tanto di diverso - spiega - E qui c'è un ottimo livello di organizzazione. Poi c'è l'aspetto tecnico, per cui uno deve imparare le caratteristiche di tutti i giocatori. Quello è l'adattamento".

"Valuterò oggi chi mandare in campo, la squadra ha speso molto. Per noi adesso è importante avere continuità". Sarri presenta così l'infrasettimanale di campionato contro il Brescia. "E' una squadra organizzata, che esprime un calcio piacevole - dice il tecnico della Juve - e l'esordio di Balotelli potrebbe darle ancora più entusiasmo". Higuain, colpito al naso contro il Verona, non ha fratture. Da Valutare Ronaldo, "che ieri - rivela Sarri - aveva un leggero affaticamento all'adduttore".

"Non ho visto né Napoli né Inter: ma probabilmente questo campionato sarà più difficile rispetto al passato". Prime valutazioni della Serie A di Maurizio Sarri, rientrato in Italia dopo la parentesi in Premier. "Ho visto giocare le squadre che abbiamo affrontato - ha aggiunto -. E ho studiato il Brescia fino a tarda notte. C'è la tendenza in Serie A a cercare il gioco, ma bisognerà attendere perché nelle prime partite molte squadre propongono calcio, per poi cambiare rotta con il passare delle giornate".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA