Euro 2020, Italia-Liechtenstein 6-0

Ramy saluta gli azzurri, è il giorno più bello della mia vita

Nella goleada dell'Italia al piccolo Liechtenstein a far notizia non sono i sei gol ma i goleador azzurri. La vittoria contro la piccola nazionale di un regno senza campionato aggiunge altri tre punti nel cammino di Mancini verso Euro 2020, con Bosnia e Grecia che pareggiano tra loro e lasciano l'Italia da sola in testa al girone. Il 6-0 di Parma regala al ct altri segnali positivi, sul piano personale. La serata cominciata con la festa per Ramy, l'eroe di San Donato Milanese, prosegue con il primo gol azzurro di Sensi, con il primo stagionale di Verratti, e poi con Kean che bissa la rete da primato 'millenial' di sabato a Udine e Pavoletti in gol all'esordio.

 

In mezzo, la doppietta con due rigori del sempreverde Quagliarella. La standing ovation riservata dal Tardini al 36enne attaccante sampdoriano, da stasera il goleador piu' anziano di sempre della storia della nazionale, e' un segno di affetto e di riconoscenza al passato, senza il quale anche nel calcio non c'e' futuro. Di passare il testimone, il capocannoniere del campionato non sembra avere alcuna intenzione, ma la serata di Parma - al netto dell'agilità dell'impegno - può confermare ottimismi. Anche perche' in contemporanea la Bosnia, vera rivale nel gruppo, ha sprecato l'occasione pareggiando in casa 2-2 con la Grecia dopo il doppio vantaggio. A giugno i due appuntamenti determinanti per l'Italia, prima contro i greci poi contro la nazionale di Pjanic e Dzeko.

Nell'immediato pre-gara, Ramy e Adam, i due giovani studenti che agendo con coraggio hanno sventato il sequestro di un gruppo di alunni nella scorsa settimana, sono scesi in campo a salutare i giocatori della nazionale italiana. "Il giorno più bello della mia vita", commenta emozionatissimo Ramy, uscendo dal campo del Tardini di Parma dopo aver dato il 'cinque' a tutti i giocatori della nazionale. Con Ramy (accompagnato dal fratello), il compagno di scuola Adam e un piccolo amico di quest'ultimo.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA