Serie B: Spal allunga

L'Avellino vince a Pisa, colpo Brescia con il Benevento

La Spal vince e allunga in testa a +5 grazie al ko interno del Frosinone, agganciato al secondo posto dal Verona, che vince il derby con il Cittadella. Colpo del Brescia contro il Benevento e pareggi esterni preziosi in coda per la Ternana e l'Ascoli. L'Avellino vince a Pisa mentre il Latina cade a Salerno.   

Il quadro della 36/ma giornata (RISULTATI E CLASSIFICA)

  • SPAL-Trapani 2-1
  • Brescia-Benevento 1-0
  • Perugia-Ascoli 0-0
  • Verona-Cittadella 2-0
  • Vicenza-Pro Vercelli 0-1
  • Frosinone-Novara 2-3
  • Salernitana-Latina 2-1
  • Carpi-Bari 2-0
  • Virtus Entella-Ternana 
  • Pisa-Avellino 0-1
  • Cesena-Spezia 1-0

TUTTI I GOL / VIDEO

 

La Serie B in pillole

Spal-Trapani 2-1 - La Spal, con una doppietta di Antenucci, batte in casa 2-1 il Trapani e continua la sua fuga in testa alla classifica. A decidere la partita è stato, come detto, l'attaccante spallino che nella ripresa ha permesso alla squadra di Semplici di ribaltare una partita che sembrava essersi messa subito male. Dopo infatti appena 3' Barillà, con un tiro dalla distanza, aveva sorpreso Meret e i tantissimi tifosi assiepati in tribuna. La reazione della Spal è arrivata con diverse occasioni, ma non il gol: al 27' Mora ha centrato un palo. Nella ripresa, però, la Spal ha cambiato marcia, rendendosi subito pericolosa e trovano il pari, dopo numerose palle gol, all'11' con un'ottima combinazione Finotto-Antenucci e con la conclusione alle spalle di Pigliacelli. Al 32' la Spal va in vantaggio: calcio di punizione sulla tre quarti, Schiattarella trova Antenucci al centro dell'area, bravissimo a girarsi e trovare la rete della vittoria.

Verona-Cittadella 2-0 - Il Verona si aggiudica il derby con il Cittadella e balza al secondo posto in classifica complice il ko interno del Frosinone. Un gran gol di Bessa nella prima frazione e un tap in di Pazzini nella ripresa decidono la sfida del Bentegodi. Un Verona più attento in difesa e con un Bessa nel motore in più rispetto al Cittadella. Il centrocampista italo-brasiliano apre la serie con un destro preciso e potente e nella ripresa ancora una sua conclusione dal limite mette in difficoltà Alfonso sulla cui respinta corta Pazzini chiude il match.

Frosinone-Novara 2-3  - Il Novara espugna il "Matusa" superando 3-2 (2-1) il Frosinone. Con questo successo i piemontesi continuano ad alimentare speranze play off mentre i laziali sono stati agganciati dal Verona e ora sono terzi in classifica, sebbene a pari punti con gli scaligeri, in virtù degli scontri diretti. Il Frosinone ha sofferto sin dai primi minuti la maggiore freschezza atletica degli avversari. Sammarco e Maiello a centrocampo non sono mai riusciti a fare filtro per la propria difesa che a sua volta ha perso quasi tutti i duelli con la coppia offensiva del Novara formata da Galabinov e Macheda. Ospiti in vantaggio al 12' con Macheda grazie ad un assist di petto di Galabinov. Al 21' l'arbitro Abbisso, direzione di gara, la sua, assolutamente insufficiente, assegna un rigore contestato dal Novara, per intervento di Scognamilio su Dionisi. Dal dischetto Daniel Ciofani riporta i suoi sull'1-1. Al 35' rigore per la squadra di Boscaglia ma francamente il contatto Macheda-Fiamozzi è assolutamente normale ma Abisso assegna il penalty che Galabinov non fallisce. Nel secondo tempo Frosinone assolutamente insufficiente e Macheda in contropiede che realizza l'1-3. Al 45' Mokulu su errata uscita di Da Costa riapre le speranze per il Frosinone ma ormai è troppo tardi.

Pisa-Avellino 0-1 - Il Pisa perde la terza gara consecutiva in casa e sprofonda verso la LegaPro. L'Avellino guadagna tre punti con il minimo sforzo approfittando di uno svarione difensivo degli avversari. Nel primo tempo regna l'equilibrio, ma al 3' della ripresa i campani vanno in vantaggio con Lavarone che risolve in mischia. I padroni di casa reagiscono e attaccano con veemenza, Gattuso ridisegna un Pisa totalmente offensivo con tutti gli attaccanti in campo ma il portiere ospite è chiamato a una sola parata su una bella conclusione dal limite di Peralta. Alla fine il Pisa esce comunque tra gli applausi, ma vede allontanarsi ulteriormente la possibilità di raggiungere almeno il treno dei play out. Per gli irpini sono tre punti fondamentali che li mettono quasi al riparo da rischi nonostante la recente penalizzazione di tre punti.

Salernitana-Latina 2-1- Salernitana batte Latina 2-1: poco ritmo e poche azioni nel primo tempo che è stato sbloccato al 40' dalla formazione avversaria grazie al primo gol in stagione di De Giorgio che ha freddato Gomis in uscita. Secondo tempo movimentato con una Salernitana molto più consapevole e presente. Al 56' Alessandro Rosina ha pareggiato i conti con un gol di potenza e velocità. Svariate le azioni da parte della formazione di casa che è riuscita ad agguantare la vittoria al 78' con Mattia Sprocati. Il finale di partita è stato un bello spettacolo da parte dei granata che hanno giocato con ritmo e resistenza, supportati dal solito fragoroso tifo dei supporter casalinghi. Non sono mancate alcune azioni pericolose che hanno fatto sfiorare il pareggio al Latina.

Entella-Ternana 1-1- Finisce 1-1 al Comunale di Chiavari tra Entella e Ternana, un pareggio che serve soprattutto agli umbri per la corsa salvezza. Subito in avanti i padroni di casa che ci provano con Ammari ma il tiro finisce a lato. Al 9' tiro cross di Moscati ma nessuno arriva sul pallone a pochi passi dalla porta degli umbri. Accelera la squadra di Breda e al 30' sfiora il vantaggio con Caputo che si presenta solo davanti al numero uno della Ternana ma spedisce altissimo. Gli ospiti reagiscono con Defendi ma il tiro non impensierisce il portiere Iacobucci. Nella ripresa più emozioni con la Ternana che ci prova al 14' con Valjent e Palombi ma l'estremo difensore è attento. Sul capovolgimento di fronte sfiora il gol Tremolada con un grande tiro di poco a lato. E poi al 20' grande occasione dell'Entella con Caputo che manca il bersaglio grosso mentre Iacobucci è bravo su Defendi. E al 30' il vantaggio dei liguri con il diciottenne Mota Carvalho che mette dentro dopo un preciso assist di Caputo. Ma al 42' arriva il pareggio della Ternana con sforbiciata ravvicinata di Diakitè

Perugia-Ascoli 0-0 - Reti inviolate al Curi al termine di Perugia-Ascoli, valida per la 36/a giornata di serie B. Una partita che ha offerto poche emozioni nel primo tempo, con l'Ascoli di Aglietti comunque più costante sul piano offensivo. A corrente alternata invece l'attacco dei padroni di casa, pericolosi solo al 5' con Nicastro, bloccato da Lanni. Più vivace e combattuta la ripresa. Al 10' il Perugia (in 10 per il doppio giallo a Belmonte) centra una traversa con Mustacchio. L'Ascoli risponde dopo 4' con Gatto che supera Brignoli ma trova il palo. Un paio di uscite spregiudicate del portiere del Perugia favoriscono poi l'attacco bianconero (sfiora la rete Orsolini al 25'), che però non concretizza.

Vicenza-Pro Vercelli 0-1- La Pro Vercelli espugna lo stadio Menti, battendo 1-0 il Vicenza in quello che rappresentava un match-salvezza. A decidere la sfida un gol al 13' della ripresa, dopo che i padroni di casa avevano fallito diverse occasioni: su tiro di Eguelfi dalla distanza, respinta incerta di Vigorito e sul pallone vagante s'avventa Comi (entrato al posto dell'infortunato Bianchi) che da due passi mette in rete. Piemontesi quasi salvi, mentre per i veneti si fa sempre più preoccupante la situazione in classifica

Carpi-Bari 2-0 - Il Carpi sfrutta al meglio una ghiotta occasione per rientrare nel giro playoff e batte 2-0 una diretta concorrente come il Bari. Per i pugliesi, contestati a fine gara dai propri tifosi, si tratta della quinta sconfitta esterna consecutiva. Carpi in vantaggio al 19' del primo tempo con l'autorete di Tonucci. Nella ripresa il raddoppio con Mbakogu al 24' che sfrutta un assist di Lasgna e fissa il risultato.

Brescia-Benevento 1-0 - Dopo 8 turni il Brescia torna alla vittoria trovando un po' di respiro in classifica ai danni del Benevento: al Rigamonti finisce 1-0. Il Brescia passa all'8' grazie ad un autogol di Lucioni che beffa Cragno di testa staccando su un corner di Crociata

 

 

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA