Doping: niente giochi di Rio per Alex Schwazer, sospeso dalla Iaaf

Controanalisi confermano positività per marciatore azzurro

Niente giochi di Rio per Alex Schwazer. La Iaaf, la federazione internazionale di atletica leggera, ha sospeso con effetto immediato il marciatore azzurro.

 L'altoatesino era risultato positivo ad un controllo antidoping effettuato a inizio anno e reso noto le scorse settimane. Secondo quanto si apprende, le analisi del campione 'B' hanno confermato i risultati del campione 'A'. Schwazer era tornato alle gare a maggio, dopo aver scontato una squalifica di tre anni e mezzo sempre per doping.

Schwazer era risultato positivo al testosterone ad un controllo effettuato il 1 gennaio ma i risultati sono stati resi noti lo scorso 21 giugno. I risultati delle controanalisi hanno confermato la positività e per l'altoatesino le porte dei Giochi di Rio a questo punto si chiudono definitivamente. Schwazer era risultato positivo all'epo ad un controllo antidoping alla vigilia dei Giochi di Londra 2012 e squalificato per tre anni e mezzo, con un'appendice di ulteriori tre mesi. La squalifica di Schwazer e' terminata il 29 aprile 2016 e a maggio il marciatore si e' presentato al via nel campionato del mondo a Roma, vincendo la 50km e conquistando il pass olimpico. Poi la nuova positività ed oggi la sospensione della Iaaf.

"Cercheremo immediatamente di impugnare la sospensione, probabilmente già lunedì", annuncia il legale di Schwazer, Gerhard Brandstaetter. "A questo punto - dice l'avvocato Brandstaetter -, reagiremo immediatamente". "E' triste vedere come la Iaaf abbia sospeso immediatamente Schwazer, senza riconoscere in alcun modo i passi che erano già stati fatti". "Abbiamo in mano la prova che non si tratta di doping, e che nella condotta di Schwazer tutto è stato regolare. C'è stato un intervento esterno sul prelievo, è evidente, già nel mese di maggio e ciò è estremamente grave". "Ora ricorreremo contro la sospensiva con l'auspicio che si arrivi in tempo a stabilire la verità", conclude il legale.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA