Pingpong e ghiaccio, se lo sport spinge la diplomazia

A Pechino abbraccio russa e georgiana, tregua olimpica ai Giochi

I paesi si fanno la guerra, lo sport scende in campo e fa diplomazia. Stavolta è il pattinaggio sul ghiaccio a riavvicinare la Corea del Nord e quella del Sud in vista delle prossime Olimpiadi invernali a PyeongChang. A dare l'occasione per varcare i confini dell'ennesima 'Guerra fredda' sono due giovani campioni di Pyongyang, la coppia di belle speranze formata da Ryom Tae Ok e Kim Ju Sik. Un sogno che potrebbe presto tramutarsi in realtà per i due atleti che hanno già conquistato il pass olimpico. Ma lo sport non è nuovo nel suo ruolo di ponte di pace, la diplomazia sportiva già in passato ha registrato successi fuori dal campo: storico alle Olimpiadi di Pechino l'abbraccio tra la campionessa russa e la sua rivale georgiana, sul podio del Tiro a segno, nei giorni della guerra in Ossezia. A Londra i pongisti delle due Coree, Ryu Seungmin e Kim Hyok Bong, alla fine della loro sfida si sono stretti la mano. Corsi e ricorsi storici: il più famoso esempio di diplomazia dello sport è quello del 1971, quando il ping-pong ruppe il muro della diffidenza tra Usa e Cina. Gli atleti a stelle e strisce, mentre erano in Giappone, accolsero un invito arrivato dalla federazione cinese per un'amichevole a Pechino. Furono i primi americani a mettere piede nella capitale cinese dopo che Mao aveva preso il controllo del gigante asiatico nel 1949. Allora i media battezzarono quel momento storico come la 'diplomazia del ping-pong'. Le Universiadi di Fukuoka del '95 sembrarono un momento di svolta: le due Coree si presentarono con una squadra 'confederata'. A Sydney 2000, durante la cerimonia di apertura, le due delegazioni olimpiche sfilarono con una bandiera unica creata per l'occasione. Perché spesso lo sport ricompone ciò che la politica divide.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA